IL PIANO

Banda ultralarga, Israele tenta la svolta: switch off del rame

L’annuncio del ministro Hendel: spegnere le infrastrutture di vecchia generazione e migrare tutto su fibra. Consultazione fino al 24 novembre

20 Set 2022

Mila Fiordalisi

Direttore

israele-160613132637

Spegnere le reti in rame e migrare tutte le comunicazioni sulla fibra ottica: è questo il piano del ministro delle comunicazioni israeliano Yoaz Hendel.

Israele fiber country come Singapore

Israele si candida dunque a diventare a tutti gli effetti un “fiber country”. “Le vecchie infrastrutture di comunicazione non rispondono sufficientemente alle crescenti esigenze del Paese. Inoltre, inquinano e hanno scarse prestazioni”, ha dichiarato il ministro, prendendo a riferimento Singapore, e altri Paesi che stanno seguendo l’esempio – Australia e Nuova Zelanda fra i più avanti nella roadmap.

WHITEPAPER
Accelerare i tempi di migrazione del cloud ibrido: una guida completa

Consultazione fino al 24 novembre

Il ministro la anche annunciato una consultazione pubblica che si chiuderà il prossimo 24 novembre per raccogliere pareri e idee dagli addetti ai lavori ma anche dai cittadini. Dopo anni di ritardi e controversie tra Bezeq, la più grande compagnia di telecomunicazioni israeliana, e il Ministero delle Comunicazioni, solo all’inizio del 2021 Bezeq ha iniziato realizzare la rete in fibra ottica a livello nazionale. Hendel ha dichiarato che il ministero sta ora valutando la possibilità di trasferire tutti i servizi di telecomunicazione sulla fibra ottica.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

B
banda ultralarga
R
reti in fibra

Articolo 1 di 4