Banda ultralarga, Italia Viva chiama in causa la Consob - CorCom

IL CASO

Banda ultralarga, Italia Viva chiama in causa la Consob

Il deputato Michele Anzaldi chiede l’intervento dell’Autorità a seguito delle indiscrezioni su una lettera inviata da Infratel a Open Fiber sulla roadmap del Piano Bul. Ma la società guidata da Elisabetta Ripa chiarisce: “Siamo pienamente in linea con gli obiettivi di realizzazione”

27 Nov 2020

Federica Meta

Giornalista

La Consob accenda un faro sulle indiscrezioni attribuite al Mise e riportate su alcuni quotidiani che parlano di possibile revoca delle concessioni a Open Fiber in merito ai ritardi sulla realizzazione della rete in fibra”:  questo l’appello del deputato di Italia Viva Michele Anzaldi via Facebook. L’appello fa seguito alle indiscrezioni di stampa in merito ad una lettera inviata da Infratel a Open Fiber sullo stato di avanzamento dei cantieri e il raggiungimento degli obiettivi al 2023.  “Si tratta di una notizia che rischia di creare un grave danno ad un’azienda pubblica, la cui proprietà è di un’azienda quotata come Enel e di Cdp. Il rischio è che ci rimettano i cittadini due volte, sia per lo stop agli investimenti sulla fibra sia per il danno ad un’azienda pubblica”, scrive Anzaldi.

”La notizia viene associata ad una lettera inviata – prosegue Anzaldi – dal presidente di Infratel, Marco Bellezza, dove vengono mosse alcune contestazioni a Open Fiber sulle quali già nelle scorse settimane erano arrivate risposte e spiegazioni dal presidente Franco Bassanini. ‘Il Fatto quotidiano’ scrive che dietro le contestazioni ci sarebbe il tentativo di ridurre il valore di Open Fiber in vista dell’eventuale fusione con Fibercop, l’azienda appena creata da Tim in vista della cosiddetta Rete Unica. Quindi una società pubblica, Infratel, si presterebbe a danneggiare un’azienda pubblica come Open Fiber per favorire un’operazione voluta e caldeggiata da un’azienda privata come Tim? E’ urgente che venga fatta chiarezza”.

“Come ha spiegato di recente lo stesso Bassanini anche in audizione in Parlamento, le gare pubbliche per le cosiddette aree bianche ‘sono state aggiudicate tra il 2017 e il 2019, si è poi dovuto aspettare le pronunce del Tar sui ricorsi di Tim e Fastweb, attendere la firma delle concessioni, acquisire quasi 100 mila autorizzazioni, seguire per gli appalti le procedure delle gare pubbliche’. I ritardi di open Fiber, quindi, derivano anche dai ricorsi di Tim. Ha detto ancora Bassanini: ‘Avevamo un piano industriale con un obiettivo di 9,5 milioni di unità immobiliari connesse, siamo arrivati a 7 milioni, quindi stiamo procedendo molto rapidamente’. La Consob verifichi la vicenda intorno alla lettera inviata da Bellezza”, conclude Anzaldi.

Secondo quanto riportato dal Fatto, la lettera conclude con un avvertimento: “Ci si riserva di intraprendere le azioni più opportune a tutela dell’interesse pubblico”. Infratel ha dato 30 giorni a OF per spiegare come recuperare il ritardo.

La replica di Open Fiber

La società guidata da Elisabetta Ripa replica evidenziando che l’azienda è pienamente in linea con il piano di realizzazione della rete in fibra ottica, formalmente condiviso con Infratel e ciò nonostante il perdurare dell’emergenza sanitaria. OF conferma l’obiettivo del completamento del 92% delle Unità Immobiliari del Piano Bul in 16 Regioni su 20 entro il 2022 e non nel 2023. L’attività prevista per il 2023 è dunque residuale rispetto alla totalità del progetto. A conferma di ciò, si segnala che l’avanzamento dell’infrastruttura realizzata da OF negli ultimi 6 mesi è triplicato rispetto a quanto realizzato fino alla fine del 2019. Le semplificazioni e le misure adottate d’intesa con Infratel stanno risultando efficaci e consentono di confermare i piani operativi e il completamento delle opere nei tempi previsti. I Comuni che Open Fiber oggi ha avviato alla commercializzazione sono circa 1.400.

WEBINAR
14 Dicembre 2021 - 11:00
Telco per l'Italia: come accelerare la trasformazione. Le opportunità di PNRR e Cloud
Telco

I ritardi cui Infratel fa riferimento nella lettera ad OF sono innanzitutto relativi al numero dei progetti esecutivi consegnati.”Effettivamente, si è registrato un rallentamento nella consegna dei progetti – spiega la nota – che è però una conseguenza diretta e ineludibile di quanto concordato quest’anno con Infratel in merito alla soglia di permessi necessaria a corredo del progetto esecutivo, che è stata innalzata dal 70% al 90%. Tale rallentamento non incide comunque sui target di piano, in quanto il numero dei progetti esecutivi ad oggi già approvati permette a OF di proseguire il progetto secondo i tempi previsti”. Ma soprattutto Open Fiber sta lavorando a risolvere definitivamente il problema rappresentato dalla crisi del progettista incaricato, Italtel, che come noto, si trova attualmente in una delicata situazione di concordato preventivo. “Non è un mistero che Italtel sia stata scelta da Timcome advisor nella due diligence tecnica su Open Fiber. Questo, assieme alla quota preponderante di ricavi che la stessa Italtel deriva da commesse Tim, è un elemento di preoccupazione per Open Fiber, considerata la obiettiva situazione di conflitto di interesse nella quale si trova ora il progettista – conclude – Analoga preoccupazione OF intende esprimere per la fuga di notizie su atti riservati del Concedente, che potrebbe essere strumentale alla luce delle più ampie e complesse dinamiche relative alla vicenda della cosiddetta rete unica.

L’azienda ricoda infine che sui circa 2,8 miliardi di euro di valore del Grande Piano Bul circa 1,6 miliardi sono a carico dello Stato, mentre 1,2 miliardi sono a carico di Open Fiber che – in base ai requisiti della gara Infratel – ha offerto di farsi carico di tale somma prevedendo di recuperarla dai flussi di cassa della concessione ventennale.

La posizione di Italtel

Italtel fa sapere a CorCom di star “velocizzando l’attività sui cluster C e D e incrementando la qualità della progettazione per quanto riguarda il progetto di Open Fiber, cui stiamo dando la massima importanza sia per l’attenzione dovuta al nostro cliente sia per la rilevanza del progetto stesso per il nostro Paese”.

“Come noto, stiamo risolvendo la nostra situazione finanziaria che, tuttavia, non sta impattando in alcun modo sulla nostra operatività – spiega Italtel – Siamo contenti che Tim ci abbia scelto come advisor. Non c’è alcun conflitto di interesse perché siamo advisor di Tim su questioni tecniche. E’ un ruolo importante per il quale abbiamo le giuste competenze”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA