Dalle Eolie a Capraia, piano da 60 milioni per la fibra nelle isole minori - CorCom

IL PROGRAMMA

Dalle Eolie a Capraia, piano da 60 milioni per la fibra nelle isole minori

Infratel avvia la consultazione pubblica. Si punta a dotare di backhaul ottico gli arcipelaghi italiani entro il 2023. Gli operatori avranno 30 giorni per comunicare le proprie osservazioni

19 Mar 2021

Domenico Aliperto

Al via la consultazione pubblica sul Piano di interventi infrastrutturali per la banda ultralarga nelle isole minori: gli operatori interessati hanno 30 giorni per rispondere. L’investimento stimato è di 60,5 milioni di euro, da realizzarsi secondo il cronoprogramma di Infratel, la società in house del Ministero, entro il 2023.

Le finalità del Piano di interventi infrastrutturali

L’obiettivo del Piano è quello di dotare le isole minori di un backhaul ottico che abiliti lo sviluppo della banda ultralarga, l’incremento della copertura delle reti radiomobili, assicurando anche l’evoluzione verso i servizi 5G. Il backhaul ottico sarà accessibile a tutti gli operatori mediante Punti di Accesso al Backhaul Sottomarino (Pabs.) che sono stati individuati in base al criterio della minore distanza dalle dorsali ottiche esistenti, dall’eventuale Punto di Consegna Neutro, se presente nell’isola, e dall’approdo del cavo sottomarino. Le gare dovrebbero partire a giugno.

WHITEPAPER
L'era IBRIDA del lavoro: strategie e strumenti per la collaboration
Networking
Software

Più nello specifico, è prevista la posa di cavi sottomarini in sostituzione dei ponti radio per connettere Capraia nell’arcipelago Toscano, le Isole Pontine, Ustica, le Egadi, le Tremiti, e in Sardegna per l’Asinara e le Sulcitane; nuovi cavi per ampliare la banda nelle Eolie e proteggere il collegamento di Stromboli, Panarea, Filicudi; completare l’anello ottico per proteggere il traffico nelle Pelagie e sostituire un collegamento obsoleto (25 anni) tra Mazara e Pantelleria. Nel caso una di queste aree sia già nei piani degli operatori dei prossimi tre anni “dovrà impegnarsi a rispettare tali scadenze nel corso del triennio, a partire dal primo anno e dovrà rendicontare ogni fase al Ministero per il tramite di Infratel”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA