IL PROGETTO

Fibercop spinge sul co-investimento e va avanti sulle partnership

Nuovo accordo per la wholesale company di Tim, Fastweb e Kkr. È la volta di Tlc Telecomunicazioni. Coinvolti comuni in Lazio, Puglia e Campania

15 Apr 2022

Enzo Lima

banda-ultralarga-reti-broadband-fibra

Portare la banda ultralarga Ftth nei comuni del Lazio, Puglia e Campania: questo l’obiettivo dell’accordo di co-investimento siglato fra Fibercop – la wholesale company controllata al 58% da Tim e partecipata al 37,5% da Kkr e al 4,5% da Fastweb – e l’operatore Tlc Telecomunicazioni. Sette le cittadine protagoniste del progetto: Formia, Gaeta, Castellaneta, Bellona, Pietramelara, Sparanise e San Salvatore Telesino.

“L’intesa raggiunta conferma l’efficacia del modello del co-investimento che consente a tutti gli operatori interessati di partecipare allo sviluppo della fibra ottica in Italia in un quadro di competizione infrastrutturale – spiega Tim in una nota -. Inoltre, accelera il superamento del digital divide sul territorio nazionale e mette a disposizione di famiglie e imprese connessioni ultra-broadband con velocità superiori a 1 Gigabit al secondo”.

L’accordo con Tlc Telecomunicazioni fa seguito ai numerosi siglati nel corso del tempo da Fibercop che ha chiuso il 2021 con un utile di 321,2 milioni di euro, ricavi per 977,72 milioni e un ebitda di 852,74 milioni.

La wholesale company capitanata da Carlo Filangieri ha ottenuto lo scorso 22 febbraio il via libera dall’Autorità antitrust in merito agli impegni relativi alla cooperazione per la costruzione della rete in fibra sul territorio nazionale. Via libera anche da parte dell’Agcom che a inizio aprile ha annunciato di aver avviato il processo di notifica alla Commissione europea.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

C
Carlo Filangieri

Aziende

F
Fastweb
F
fibercop
K
kkr
T
tim

Approfondimenti

B
banda ultralarga

Articolo 1 di 4