L'INTERVENTO

Fibra ottica “future-proof” per la società digitale

Le infrastrutture a banda ultralarga sono necessarie per la crescita dell’economia ma anche della cultura. Qualità e innovazione le sfide dell’industria dei cavi. L’intervento di Antoni Bosch Guilamany, vice president telecom solutions di Prysmian Group

Pubblicato il 15 Giu 2017

Antoni Bosch Guilamany , vice president telecom solutions - Prysmian Group

boschan-prysmian-170614164251

Il mondo si sta muovendo sempre più verso la tecnologia wireless: chiunque usufruisca di una connessione lo fa quasi esclusivamente attraverso Wi-Fi. In futuro si prevede che il 5G offrirà la stessa velocità e affidabilità delle attuali connessioni wireless sia a casa che in ufficio. Chiunque oggi investa in infrastrutture deve essere consapevole che il 5G richiede backhaul in fibra.

Infrastrutture e reti ad altissima capacità sono fondamentali per permettere di accedere a tutta una serie di servizi (ospitalità, ristorazione, e-commerce, sanità, finanza, etc.) che, da qui a dieci anni, saranno definitivamente digitalizzati. L’obiettivo è permettere a tutte le persone di vivere la propria quotidianità nel modo più semplice e immediato possibile. Con il mondo che si muove verso una presenza globale onnipresente della fibra, l’innovazione è la chiave.

Il Gruppo Prysmian, in qualità di leader globale nella produzione di cavi in fibra ottica, è impegnato nel supportare lo sviluppo delle più avanzate infrastrutture degli operatori di telecomunicazioni mondiali, proponendosi come partner di riferimento e supportandoli nella realizzazione dei loro principali progetti, dove la qualità e l’innovazione tecnologica dei prodotti e delle soluzioni impiegate giocano un ruolo fondamentale per affrontare le sempre più impegnative esigenze delle reti a banda larga moderne. Anche se le connessioni sono sempre più wireless, il wireless è legato alla fibra. La crescita economica e la domanda dei consumatori dipendono in larga misura da una connettività a banda larga con una velocità gigabit sempre disponibile. Il nostro parere è che sia meglio fornire questo servizio tramite una rete fissa in fibra ottica. Le infrastrutture a banda ultra larga sono necessarie per la crescita dell’economia e, non solo, anche della cultura. In Europa, in particolare, la sfida maggiore che l’industria dei cavi deve affrontare in questo contesto è quella della difesa della qualità dei prodotti (fibra, cavi, connettori), essenziale per dotarsi di un’infrastruttura “future-proof” per lo sviluppo digitale.

In realtà c’è ancora tanto da fare e Prysmian Group sta già tracciando il futuro, certi che il nostro impegno sulla qualità e l’innovazione si traduca in vantaggi non solo per gli operatori ma anche, naturalmente, per l’utente finale che può usufruire di connessioni più veloci e in linea con i contratti di connessione sottoscritti.

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Argomenti trattati

Approfondimenti

B
banda ultralarga
F
fibra ottica
P
prysmian