Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

ULTRABROADBAND

Prysmian battezza Pry-ID, l’impronta digitale dei cavi

Grazie all’Rfid accesso in tempo reale a tutte le informazioni e verifica dello stato di salute di ogni singolo “pezzo” di network. La rete elettrica lettone pronta ad adottare la tecnologia da luglio 2020

06 Set 2019

E. L.

Una sorta di impronta digitale dei cavi. In grado di fornire in tempo reale tutte le informazioni anche relative al funzionamento. È questa la novità appena annunciata da Prysmian.

Pry-ID, questo il nome della tecnologia, attraverso la tecnologia Rfid (Radio-Frequency IDentification) consente l’accesso a tutte le informazioni principali sul cavo e i suoi accessori che includono il tipo di cavo, la lunghezza, da dove proviene e a quali componenti è connesso. Il tutto in un unico file facilmente esportabile e disponibile sempre e ovunque tramite app. E sarà l’utility Sadales Tikls – che gestisce la rete elettrica di distribuzione nazionale della Lettonia – a sperimentare per prima la tecnologia, a partire da luglio 2020, grazie all’installazione di una serie di cavi intelligenti dotati della tecnologia Pry-ID all’interno della rete elettrica principale del Paese. Il progetto – gestito da Prysmian Group North Europe – prevede l’installazione di circa 7 km di cavi sotterranei da 1 kV prodotti nello stabilimento di Prysmian Group Baltics AS di Keila.

“Introdurremo gradualmente la tecnologia Pry-ID su una gamma di prodotti sempre più ampia,” sottolinea Srinivas Siripurapu, EVP e Chief R&D Officer di Prysmian Group. “Si tratta di una soluzione innovativa che contribuisce a rendere sempre più efficaci ed efficienti i prodotti e i servizi forniti dal Gruppo, aumentando al contempo gli standard qualitativi e di sicurezza”.

I chip Rfid – spiega l’azienda in una nota – sono definiti dallo standard globale GS1, progettato per migliorare l’efficienza, la sicurezza e la visibilità delle supply chain. Il GS1 consente di utilizzare un Serial Global Trade Item Number (SGTIN) su ogni metro di cavo per poi trasmettere le informazioni attraverso un lettore.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

P
Prysmian

Approfondimenti

U
ultrabroadband

Articolo 1 di 4