Open Fiber, Cdp sale al 60%: si stringe il cerchio sulla rete unica? - CorCom

PRIMO PIANO

Open Fiber, Cdp sale al 60%: si stringe il cerchio sulla rete unica?

Disco verde per acquisire una partecipazione del 10%, attraverso Cdp Equity, della quota in capo a Enel. Autorizzata la sottoscrizione di un term-sheet vincolante con Macquarie per definire gli assetti di governance successivi all’ingresso del fondo nel capitale della wholesale company che ha espresso gradimento sull’operazione

30 Apr 2021

Mila Fiordalisi

Direttore

Il dato è tratto: il Consiglio di amministrazione di Cassa Depositi e Prestiti ha dato il via libera a Cdp Equity a presentare un’offerta ad Enel per l’acquisizione di una partecipazione del 10% di Open Fiber, che si aggiunge al 50% già in capo alla Cassa. Operazione che una volta finalizzata, consentirà a Cdpe di aggiungere la maggioranza del capitale della società “per rafforzare il proprio sostegno a un’infrastruttura strategica di grande importanza per la digitalizzazione e la competitività del Paese”, si legge nella nota emessa a seguito del cda.

“L’operazione è coerente con la strategia di Cdp quale investitore di lungo periodo in società operanti in settori e tecnologie prioritarie per il Paese. L’obiettivo è quello di estendere su scala nazionale una rete in fibra ottica aperta a tutti gli operatori, riducendo il digital divide”, continua la nota.

Un’infrastruttura strategica di grande importanza, dunque, e aperta a tutti gli operatori: segno che la direzione è quella di spingere verso il progetto di rete unica di Tlc AccessCo di Tim-Cdp? Oppure si sta optando per una soluzione alternativa in cui il ruolo degli altri operatori di Tlc diventa più “forte”?

La Cassa, prima del closing, si è inoltre impegnata ad apportare nuove risorse “finalizzate a sostenere l’accelerazione del piano di sviluppo della rete infrastrutturale”. Trovata, inoltre, la quadra con il fondo australiano Macquaire: è stata autorizzata la sottoscrizione di un term-sheet vincolante per definire gli assetti di governance di Open Fiber successivi all’ingresso del fondo nel capitale. Il fondo aveva presentato a Enel un’offerta per l’acquisto di una quota tra il 40% e il 50%

Il perfezionamento dell’operazione sarà soggetto all’autorizzazione delle Autorità competenti e alla sottoscrizione degli accordi definitivi tra le parti.

A seguito del Cda di Cdp si è tenuto oggi quello di Open Fiber presieduto da Franco Bassanini, cha deliberato il gradimento all’ingresso del fondo infrastrutturale Macquarie nel capitale della società, ai sensi dell’art. 8 dello statuto sociale.

Open Fiber a Telco per l’Italia, ecco l’agenda del 6 maggio

 PER LA REGISTRAZIONE CLICCARE QUI

 

 “Telco first”: la ricetta per la banda ultralarga

I fondi pubblici e gli investimenti privati, il nuovo piano aree grigie, la spinta al fixed-wireless: la strada non è affatto in discesa, ma la sfida si può vincere. Co-investimento e partnership le chiavi di volta?

17.00 Mila Fiordalisi, Direttore CorCom

17:05 Andrea Rangone, Presidente Digital360

17.15 Franco Accordino, Head Unit Investment in High-Capacity Networks Commissione Ue

17.25 Antonello Giacomelli, Commissario Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

17.35 Marco Bellezza, Amministratore delegato Infratel

17.45 Cesare Avenia, Presidente Confindustria Digitale

17.55 Dibattito con i player di mercatoModera il direttore di CorCom Mila Fiordalisi

 Simone Bonannini, Direttore Marketing e Commerciale Open Fiber

Lisa Di Feliciantonio, External Relations & Sustainability Officer Fastweb

Giovanni Moglia, Chief Regulatory Affairs & Wholesale Market Officer Tim

Marco Olivieri, Regional Sales Director Cambium Networks

Andrea Rossini, Direttore Strategy, Business Transformation & Wholesale Vodafone Italia

Francesco Sortino, Chief Marketing Officer Linkem

Marco Vecchio, Segretario Gruppo System Integrator reti Tlc Federazione Anie

Alessandro Verrazzani, Responsabile Affari Regolamentari e Istituzionali Eolo

@RIPRODUZIONE RISERVATA