Rete unica Tlc, il dossier Open Fiber (di nuovo) all’esame di Cassa Depositi e Prestiti - CorCom

PRIMO PIANO

Rete unica Tlc, il dossier Open Fiber (di nuovo) all’esame di Cassa Depositi e Prestiti

Convocato il cda, ma sull’offerta del fondo Macquaire il verdetto potrebbe subire ulteriori slittamenti. Determinante la posizione del Governo

21 Apr 2021

Mila Fiordalisi

Direttore

Il dossier Open Fiber sbarca per l’ennesima volta all’esame del cda di Cassa Depositi Prestiti. Nonostante il fondo Macquaire abbia da mesi presentato la propria offerta per rilevare la quota della wholesale company in capo a Enel la situazione si è letteralmente arenata. Il dossier è legato a stretto filo alla decisione del Governo Draghi sulla rete unica di Tlc “AccessCo”, ossia del progetto di “fusione” delle reti Tim e Open Fiber che si è incagliato sullo scoglio della proprietà del network derivante dall’integrazione di cui Tim vuole la maggioranza nonostante il progetto sia focalizzato sul co-investimento a garanzia della concorrenza.

Determinante poi la questione della governance. Secondo quanto risulta a CorCom però nessuna decisione sarà presa dal cda odierno poiché si attende una decisione definitiva sul da farsi da parte dell’esecutivo Draghi. In questi giorni sono circolate notizie riguardo a ipotesi alternative, fra cui il solo conferimento della rete secondaria Tim nella newco oppure di una società a guida pubblica. Ma nessuna delle ipotesi al momento è stata confermata né smentita dalle parti in causa, il Governo, Tim e gli altri operatori di Tlc.

Intanto si va avanti sul Piano Bul per le aree grigie: ieri – a quanto si apprende – se ne sarebbe discusso in occasione di un incontro fra i partiti di maggioranza al Mise alla presenza della Sottosegretaria Anna Ascani alla quale sono state affidate le deleghe alle Tlc dal ministro Giancarlo Giorgetti.

La banda ultralarga protagonista a Telco per l’Italia

I fondi pubblici e gli investimenti privati, il nuovo piano aree grigie, la spinta al fixed-wireless: la strada non è affatto in discesa, ma la sfida si può vincere. Co-investimento e partnership le chiavi di volta? Ne parliamo in occasione del primo appuntamento di Telco per l’Italia in programma in 6 maggio alle 17. CLICCARE QUI PER LA REGISTRAZIONE

6 maggio 2021 – “Telco first”: la ricetta per la banda ultralarga

17.00 Mila Fiordalisi, Direttore CorCom

17:05 Andrea Rangone, Presidente Digital360

 17.15 Franco Accordino, Head Unit Investment in High-Capacity Networks Commissione Ue

 17.25 Antonello Giacomelli, Commissario Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

17.35 Marco Bellezza, Amministratore delegato Infratel

17.45 Cesare Avenia, Presidente Confindustria Digitale

17.55 Dibattito con i player di mercatoModera il direttore di CorCom Mila Fiordalisi

 Simone Bonannini, Direttore Marketing e Commerciale Open Fiber

Lisa Di Feliciantonio, External Relations & Sustainability Officer Fastweb

Marco Olivieri, Regional Sales Director Cambium Networks

Andrea Rossini, Direttore Strategy, Business Transformation & Wholesale Vodafone Italia

Francesco Sortino, Chief Marketing Officer Linkem

Marco Vecchio, Segretario Gruppo System Integrator reti Tlc Federazione Anie

Alessandro Verrazzani, Responsabile Affari Regolamentari e Istituzionali Eolo

 

 

@RIPRODUZIONE RISERVATA