Tim, accesso gratuito alla rete wholesale tramite peering pubblico - CorCom

BANDA ULTRALARGA

Tim, accesso gratuito alla rete wholesale tramite peering pubblico

L’iniziativa, valida fino al 30 giugno, riguarda il traffico internet presso il Mix di Milano e il Namex di Roma. L’Aiip: “Un bene per la sicurezza dei dati e la qualità di fruizione dei servizi”

06 Apr 2020

Mi Fio

Accesso wholesale gratuito alla propria rete dati tramite peering pubblico: questa l’iniziativa appena lanciata dalla divisione Wholesale di Tim per agevolare la collaborazione fra operatori e consentire di fronteggiare al meglio le rinnovate esigenze in termini di traffico Internet a seguito dell’emergenza Coronavirus.

Gli scambi di traffico internet (peering) con la rete Tim realizzati presso i Neutral Access Point (Nap) di Milano (Mix) e di Roma (Namex) saranno gratuiti fino al 30 giugno. “Tale iniziativa – spiega la telco guidata da Luigi Gubitosi – è volta ad aumentare il numero delle interconnessioni dirette con gli operatori e potenziare la capacità installata presso i Nap di Roma e Milano con quasi 300 Gb complessivi di banda installata. In tal modo, i clienti degli operatori italiani che non hanno ad oggi una diretta relazione con la rete Tim potranno registrare un miglioramento nella navigazione di internet nella visualizzazione dei contenuti forniti dalla rete di Tim”. Per gestire le richieste Tim ha attivato un apposita casella di posta elettronica dedicata agli operatori (PeeringNAP@telecomitalia.it).

webinar -16 dicembre
5G e connettività a banda ultralarga: la priorità, anche dopo l'emergenza
Networking
Telco

La notizia è stata accolta più che positivamente dall’Aiip, l’associazione degli Internet Provider: “Mantenere in Italia il traffico degli utenti italiani e renderne ottimali i percorsi è un bene sia per la sicurezza dei dati sia per la qualità di fruizione dei servizi per l’intera Internet italiana, ancor più in questo periodo in cui la richiesta di performance elevate è in costante aumento”, sottolinea l’associazione guidata da Giuliano Peritore.

“Con la scelta di riattivare la propria presenza presso i principali Ixp, Tim ha preso una decisione che va a vantaggio dell’intero settore delle telecomunicazioni italiane. Gli Ixp italiani hanno misurato un notevole sviluppo nel corso dell’ultimo decennio sia in termini di operatori interconnessi che di traffico veicolato, distinguendosi per l’affidabilità del servizio e le tecnologie all’avanguardia. È anche grazie a questo che i maggiori Ott mondiali, i distributori di media digitali nazionali, i grandi operatori di accesso da fisso e mobile e gli operatori di trasporto nazionali ed internazionali sono collegati agli Ixp, dove scambiano una quota significativa del loro traffico Internet”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3