Genova mette il turbo alla connettività, asse Fibering-Open Fiber - CorCom

BANDA ULTRALARGA

Genova mette il turbo alla connettività, asse Fibering-Open Fiber

Il “Progetto Genova” mira a garantire fibra ultraveloce e servizi all’avanguardia per servire le aziende del territorio

26 Ott 2020

F. Me.

Genova alla sfida digitale. In collaborazione con Open Fiber, Fibering lancia il “Progetto Genova”, un piano innovativo di collegamento di tutta l’area metropolitana che si avvale dell’infrastruttura a banda ultra larga posata da Open Fiber. Nell’ambito di questa partnership, Fibering, con il suo marchio Fiberwide, non si limita ad offrire i propri servizi su un’infrastruttura condivisa, ma punta a ridisegnare il concetto di connettività, proponendo qualcosa di rivoluzionario, che va oltre le attuali strutture di rete in essere sul territorio italiano.

“Il progetto Genova ad alta connettività è stato studiato, grazie alla partnership con Open Fiber, per accompagnare i percorsi di crescita e di internazionalizzazione delle aziende genovesi – spiega Elio Romagnoli, ceo Fibering – il nostro supporto digitale garantisce una connettività sicura, veloce e stabile: caratteristiche necessarie per accompagnare le strategie di mercato delle aziende verso l’Impresa 4.0 Plus. Chi oggi è interconnesso a 1 Gbit/s potrà in qualsiasi momento passare a 10 Gbit/s o 100 Gbit/s, approntando solo le opportune integrazioni per rendere la propria infrastruttura di rete interna compatibile con queste imponenti velocità, che anticipano i futuri scenari delle connettività”.

Il Progetto Genova, in cosa consiste

 Il “Progetto Genova” di Fibering, sfruttando la rete Fiber To The Home (fibra fino a casa) realizzata da Open Fiber, la tecnologia ultrabroadband più potente e performante attualmente esistente sul mercato, ha l’obiettivo di offrire servizi altamente professionali “pronti all’uso” ad aziende e istituzioni del tessuto economico genovese, mettendo al centro una connettività di alta qualità come la fibra ottica dedicata punto-punto .

Oltre 50 imprese genovesi (logistica, agro-alimentare, high tech, mondo bancario) hanno già aderito al progetto acquistando soluzioni integrate di connettività professionale da 1 Gbit/s a 10 Gbit/s simmetrici e dedicati, con futura scalabilità fino a 100 Gbit/s e oltre, disponibili in brevissimo tempo e senza ulteriori costi infrastrutturali da parte delle aziende.

Il Progetto Genova, l’impatto sociale

WHITEPAPER
Come dotare i dipendenti di una connettività enterprise in pochi step?
Networking
Telco

 Il “Progetto Genova” ha anche un aspetto sociale, in quanto mira ad offrire un grande vantaggio infrastrutturale per un rilancio tecnologico ed economico delle realtà industriali locali. La fibra ottica è infatti un mezzo trasmissivo altamente qualificante per lo sviluppo della digitalizzazione dei territori  perché consente alti standard di prestazione, concorrenza (grandi quantità di utenze in contemporanea), sicurezza e scalabilità futura. Grazie a Open Fiber, che sta investendo nel capoluogo ligure circa 60 milioni di euro e ha già cablato circa 180mila unità immobiliari che possono quindi beneficiare pienamente delle opportunità offerte da un mondo sempre più interconnesso, e a Fibering che ha avuto l’idea di trasformare questo investimento di Open Fiber in una vera opportunità innovativa, di alta tecnologia e di connettività avanzata, progettata per le aziende, il tessuto economico di Genova avrà un enorme vantaggio competitivo a livello nazionale.

 “Siamo molto orgogliosi di mettere la nostra infrastruttura in fibra ottica al servizio delle aziende di Genova – sottolinea Simone Bonannini, Direttore Marketing e Commerciale di Open Fiber – favorendone l’innovazione dei processi e dei prodotti. L’infrastruttura in rete in fibra ottica di Open Fiber, che copre già oggi gran parte della città, è un fattore abilitante alla digital transformation che sarà essenziale per accelerare la ripresa economica e la crescita delle aziende ed in generale dei servizi ai cittadini. La partnership con Fibering, inoltre, è un’ulteriore evidenza che il modello Open Fiber di rete neutrale non verticalmente integrata è modello vincente. Consente infatti ai grandi carrier internazionali e agli operatori locali di poter avere a disposizione i più avanzati servizi di telecomunicazione con i quali costruire le migliori soluzioni per le imprese del nostro paese”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

S
simone bonannini

Aziende

F
fibering
O
open fiber

Approfondimenti

B
banda ultralarga
F
fibra

Articolo 1 di 5