Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Broadband, Italia a rilento. Net-gap per il 51% delle famiglie

Eurostat: connessioni veloci per il 49% delle utenze contro una media Ue del 61%. A guidare la classifica Svezia, Danimarca e Finlandia

14 Dic 2010

Gli italiani risultano al di sotto della media Ue per accesso alla
rete, uso di chat, blog e social network, ma anche dell'e-mail.
A scattare la fotografia gli ultimi dati Eurostat, secondo cui ad
avere accesso alla banda larga sono solo il 49% delle famiglie a
fronte di una media europea del 61%.

I più connessi sono gli svedesi (83%), seguiti da danesi (80%),
finlandesi (76%) e tedeschi (75%), mente romeni (23%), bulgari
(26%) e greci (41%) sono i fanalini di coda. Rispetto agli altri
cittadini europei gli italiani non sono ancora così legati
all'uso di chat, blog e social network e risultano dietro a
sloveni, spagnoli, greci e francesi, mentre i primi della classe
risultano portoghesi, polacchi e lituani.

Secondo Eurostat, a fare uso di questi nuovi strumenti di
comunicazione sono il 73% dei ragazzi italiani fra i 16 e i 24
anni, il 38% nella fascia di età dai 25 ai 54 anni e il 15% fra i
55 e i 74 anni, contro una media Ue rispettivamente dell'80%,
42% e 18%. Anche l'uso dell'e-mail non è ancora così
diffuso rispetto all'Europa: in Italia vi ricorrono l'84%
dei giovani fra i 16 e i 24 anni, l'83% nella fascia fra i 25 e
54 anni e il 79% fra i 55 e i 74 anni, contro una media europea
rispettivamente del 91%, 89% e 86%.