Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Broadband universale entro il 2013. La Ue ci prova con la Digital Agenda

Il programma digitale della Commissione, inserito nella Eu2020 Strategy, propone di dare l’accesso alla banda larga a tutti i cittadini in tre anni e alle reti ultraveloci entro il 2020. Nel piano anche strategie di sostegno al comparto Ict e all’alfabetizzazione informatica

04 Mar 2010

La Commissione europea ha presentato la strategia Europa 2020 (Eu
2020 Strategy) che servirà a “uscire dalla crisi e preparare
l'economia Ue per il prossimo decennio”. La strategia
individua tre motori di crescita, da sostenere mediante azioni
concrete a livello comunitario e nazionale: crescita intelligente
(smart growth, promuovendo la conoscenza, l'innovazione,
l'istruzione e la società digitale), crescita sostenibile
(sustainable growth, rendendo la produzione più efficiente in modo
da economizzare le risorse e rilanciare la competitività) e
crescita inclusiva (inclusive growth, incentivando la
partecipazione al mercato del lavoro, l'acquisizione di
competenze e la lotta alla povertà). La strategia include
un’ambiziosa “Digital Agenda for Europe” in cui la
Commissione propone di estendere l’accesso su banda larga
all’intera Ue entro il 2013 e di dotare l’Europa di accesso
ultraveloce a Internet, almeno a 30Mbps entro il 2020. La
Commissione auspica anche che il 50% o più delle case europee
siano connesse a Internet a velocità superiori a 100Mbps.

Sugli strumenti per raggiungere questi obiettivi la Commissione
europea non ha dubbi: continuerà a lavorare per incoraggiare gli
investimenti in infrastrutture per la banda larga e per mettere a
punto normative efficienti sull’allocazione dello spettro. Al
tempo stesso nuovi fondi strutturali saranno dedicati
all’espansione del broadband. La Commissione intende anche creare
un singolo mercato dei contenuti e dei servizi online che comprenda
licenze multiterritoriali per il materiale protetto da copyright e
procedere alla digitalizzazione del patrimonio culturale europeo.
Ancora: l’Europa dovrà partecipare alla Internet governance
globale.

Altre misure sono allo studio, come una riforma dei fondi per la
ricerca e l’innovazione per aumentare il sostegno all’Ict in
alcuni settori strategici, supportare le pmi ad alto potenziale di
crescita e stimolare l’innovazione tecnologica in tutti i
segmenti dell’economia. La Commissione chiede anche maggiore
impegno nella promozione dell’uso di Internet e nella diffusione
della alfabetizzazione digitale tra i cittadini europei.

L’intera Eu 2020 Strategy si presenta come un programma
ambizioso, necessario per permettere all’Europa di rispondere
alle sfide economiche, sociali e ambientali dei prossimi anni. I
cinque traguardi principali rappresentativi a livello di Ue sono:
occupazione per il 75% delle persone di età compresa tra 20 e 64
anni; il 3% del pil Ue investito in R&S; raggiungimento dei target
"20/20/20" in materia di clima e energia; tasso di
abbandono scolastico inferiore al 10% e almeno il 40% dei giovani
con una laurea o un diploma; 20 milioni di persone in meno a
rischio di povertà.

Raggiungere questi target deve essere una priorità condivisa e la
Commissione chiede la partecipazione a tutti i livelli: Ue,
Stati-membri, autorità locali e regionali. Una serie di
iniziative-guida aiuteranno nel cammino verso il traguardo. Tra
queste, la già citata Agenda digitale per l’Europa, la cui
missione è “creare crescita economica sostenibile e benefici
sociali grazie a Internet ultraveloce”.

Le altre iniziative includono: Innovation union (riorientare la
politica in materia di R&S e innovazione in funzione delle sfide
principali, colmando al tempo stesso il divario tra scienza e
mercato per trasformare le invenzioni in prodotti); Youth on the
move (migliorare la qualità e l'attrattiva internazionale
degli istituti europei di insegnamento superiore promuovendo la
mobilità di studenti e giovani professionisti); Resource-efficient
Europe (uso più efficiente delle risorse, favorendo la transizione
verso un'economia a basse emissioni di carbonio. I traguardi
per il 2020 in termini di produzione di energia, efficienza
energetica e consumo di energia aiuterebbero a ridurre di 60
miliardi di euro le importazioni di petrolio e di gas entro
quell’anno); Industrial policy for green growth (politica
industriale per la crescita verde; questo creerebbe milioni di
nuovi posti di lavoro); Agenda for new skills and jobs
(un'agenda per nuove competenze e nuovi posti di lavoro, per
modernizzare il mercato del lavoro e aumentare i livelli di
occupazione); European platform against poverty (piattaforma
europea contro la povertà, per garantire coesione economica,
sociale e territoriale). La Commissione ha chiesto agli
Stati-membro di aderire al programma Eu 2020 all’incontro di
primavera del Consiglio europeo.