Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Cellulari “off the grid”. Business da 2,3 mld di dollari

La Gsma sostiene che implementando soluzioni per ricaricare le batterie senza elettricità le entrate per utente degli operatori crescerebbero del 10-14%

21 Ott 2009

Sistemi alternativi per caricare la batteria del cellulare: il
mercato potenziale vale 2,3 miliardi di dollari e quasi 500 milioni
di utenti mobili – più del 10% degli abbonati globali – ne
beneficeranno nei mercati emergenti. Sono i dati che emergono dalla
nuova ricerca pubblicata dalla Gsma, intitolata Charging Choices,
che illustra le diverse soluzioni a disposizione degli operatori
mobili per ricaricare i cellulari off-grid, ovvero dove non è
disponibile l’accesso alla rete elettrica tradizionale, come i
telefonini solari o i caricatori solari esterni. Secondo le stime
del programma Green power for mobile (Gpm) della Gsma, che ha
commissionato la ricerca, ci sono 485 milioni di utenti nel mondo
che non hanno accesso alla rete elettrica, un fattore che limita
fortemente le opportunità. Lo studio sostiene che implementando
efficacemente soluzioni alternative per caricare i cellulari si
aumenterebbe la diffusione dei servizi di telefonia mobile; al
contempo, le entrate per utente degli operatori crescerebbero del
10-14%.

“Fornendo agli utenti non connessi con la rete elettrica nuove
soluzioni per alimentare i cellulari non solo si migliorerà la
qualità della vita e l’accesso all’informazione di molte
persone, ma si creerà un importante fattore di crescita
economica”, secondo David Taverner, Gpm Programme Manager, Gsma.
“Il nostro calcolo dei benefici per il mercato sono stati cauti,
quindi il vantaggio potrebbe superare i 2,3 miliardi di dollari
stimati. Secondo la Gsma questa sarà un’importante area di
crescita per l’industria della telefonia mobile nei prossimi anni
e siamo solo all’inizio dello sviluppo”. “La telefonia mobile
è sempre più diffusa nelle aree rurali nei mercati emergenti,
dove l’accesso alla rete elettrica è limitato e poco affidabile
se non addirittura inesistente”, nota Windsor Holden, Principal
Analyst, Juniper Research. “Perciò l’ulteriore sviluppo della
telefonia mobile sarà legato alla possibilità di caricare i
cellulari senza usare l’elettricità, con metodi alternativi. In
particolare, i carica-batteria alimentati con energia solare
potrebbero diventare un sistema fondamentale per dare accesso
affidabile ai servizi mobili su questi mercati”.

La ricerca del Gsma ha scoperto un notevole interesse per le
soluzioni off-grid: il 60% degli operatori mobili intervistati ha
già o sta esplorando iniziative per caricare le batterie dei
cellulari senza rete elettrica. Tuttavia le aziende ancora non
comprendono appieno la vasta gamma di opzioni che hanno a
disposizione e i benefici sociali e di business che ne derivano.
Tra i pionieri vi sono Digicel e Safaricom, che hanno già
dimostrato come il consumatore, l’ambiente e l’operatore mobile
possono tutti beneficiare da soluzioni off-grid. 

 

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link