Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL TEST

Wi-fi da record, “coperti” 700 km tra Sardegna e Spagna

La sperimentazione è stata condotta dagli iXem Labs del Politecnico di Torino. Obiettivo del progetto è realizzare un sistema alternativo alla telefonia mobile per l’IoT applicabile in qualsiasi luogo indipendentemente dalla disponibilità di energia e dalle condizioni di copertura

05 Dic 2019

Record del Politecnico di Torino con un collegamento Wi-Fi tra un sensore e un ricevitore distanti più di 700 km, tra la Sardegna e la Spagna. La sperimentazione ha avuto inizio nel 2017 ed è stata condotta dagli iXem Labs dell’ateneo, da sempre impegnati nella ricerca per il superamento del divario digitale, con l’obiettivo di costruire un sistema autonomo e alternativo alla telefonia mobile per la raccolta di dati (l’internet delle Cose), applicabile in qualsiasi luogo, anche quello più remoto, indipendentemente dalla disponibilità di energia e dalle condizioni di copertura.

Perché il sistema sia sostenibile e replicabile sono necessarie due caratteristiche essenziali: consumi energetici ridottissimi e collegamenti a lunga distanza. Per disporre di un campo di prova reale, le nuove tecniche di trasmissione sono quindi state implementate su alcuni dei sensori di iXemWine, il progetto del Politecnico finalizzato alla condivisione dei dati agrometeorologici raccolti nelle vigne e utilizzati per migliorare l’efficacia dei trattamenti fitosanitari.

Per rendere l’esperimento reale, i sensori sono stati miniaturizzati, dotati di antenne molto piccole (inferiori a 2 cm) con l’energia fornita da due semplici batterie stilo, alcaline e non ricaricabili. Soprattutto, sono stati posizionati solo in contesti reali, nelle vigne, in mezzo ai filari. Fin dall’inizio, tutte le attività sono state autofinanziate e realizzate in economia: per ovviare alla mancata disponibilità di tralicci, le prime prove sono state effettuate appendendo i ricevitori a palloni meteostatici ancorati al suolo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

P
Politecnico di Torino

Approfondimenti

W
wi-fi

Articolo 1 di 3