Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Contratto Tlc: ok sull’ipotesi di aumento da 129 euro

Asstel e sindacati hanno firmato per il rinnovo del contratto scaduto a dicembre scorso. Fra le novità la Sanità integrativa per tutti i lavoratori della filiera

26 Ott 2009

I sindacati del comparto Uilcom-Uil, Slc-Cgil, FistelCsil e
l'Asstel (Associazione di Confindustria della filiera delle
telecomunicazioni) hanno dato l'ok all'ipotesi di accordo
per il rinnovo del contratto delle Tlc, scaduto lo scorso
dicembre.

Il nuovo contratto relativo al triennio 2009-2011, che riguarda 130
mila lavoratori, prevede un aumento in busta paga di 129 euro al
mese per il quinto livello.
L'incremento si snoda in tre tranches: 45 euro a partire da
gennaio 2010, 34 euro da giugno 2010 e ancora 50 euro dal giugno
2011. E' stato, inoltre, stabilito il recupero integrale degli
arretrati per il 2009, pari a 585 euro (al quinto livello), che
dovrà essere erogato entro il prossimo dicembre.

Il nuovo Contratto, si legge in una nota dell'Asstel, contiene
importanti novità in termini di relazioni industriali, strumenti
bilaterali per la formazione, flessibilità, organizzazione del
lavoro e valorizzazione delle professionalità.
Il Contratto, prosegue la nota, si inquadra nell'ambito
dell'Accordo Interconfederale 15 aprile 2009 sui nuovi assetti
contrattuali adottandone gli strumenti e la logica. Con il nuovo
Contratto viene introdotta la Sanità integrativa per tutti i
lavoratori della filiera.
Nei prossimi anni la filiera delle telecomunicazioni dovra'
affrontare importanti sfide lanciate dalla crescita del mercato e
dallo sviluppo tecnologico, e dovra' realizzare un ingente
volume di investimenti. L'accordo raggiunto, conclude la nota,
instaura un positivo clima nelle relazioni sindacali condizione
indispensabile per accompagnare la filiera Tlc nelle sfide dei
prossimi anni

Inoltre, l'intesa prevede un aumento della retribuzioni di 260
euro annui nel caso in cui non sia applicato il secondo livello, e
l'incremento dell'indennita' per il lavoro
supplementare al 20% per i part-time.