Data center, la partita 2022 si gioca sull'affidabilità delle reti - CorCom

IL FORECAST

Data center, la partita 2022 si gioca sull’affidabilità delle reti

Sicurezza dei network in primo piano nello sviluppo delle infrastrutture digitali future proof. L’impatto di Intelligenza artificiale e automazione sempre più strategico per le grandi imprese. Le previsioni di Juniper Networks

07 Gen 2022

L. O.

Shot of Corridor in Working Data Center Full of Rack Servers and Supercomputers with Blue Neon Visualization Projection of Data Transmission Through High Speed Internet.

Meno “agilità”, più “affidabilità”. Si gioca su questo scambio di ruoli il futuro dei data center per il 2022, secondo Juniper Networks secondo cui per anni le aziende hanno perseguito una maggiore agilità nelle operation. “Ma gli operatori più attenti – si legge nel forecast – hanno capito che la velocità non è l’obiettivo, è solo un aspetto di un termine di portata più ampia: l’affidabilità”.

La centralità di reti affidabili

La ragione per cui molte aziende non si muovono più rapidamente, spiega la società, è che le reti sono fragili e il cambiamento rappresenta un rischio. Essere veloci non è semplicemente una conseguenza del digitare velocemente, è semmai un prodotto del sapere che quella sequenza di tasti lavorerà sempre nello stesso modo, senza errori. Nel 2022 la conversazione si sposterà sempre più sul tema dell’affidabilità.

WHITEPAPER
Perché impostare una strategia di manutenzione dei server?
Datacenter
Sicurezza

Il ruolo dell’Intelligenza artificiale

Il Day 2 sarà di gran moda. Una gran quantità del lavoro dell’IT è stato tradizionalmente dedicato a far funzionare le cose. Qual è il progetto? Come è implementato? Più il processo iniziale verrà semplificato, più il focus si sposterà sull’ottimizzazione delle operation Day 2. Il provisioning cederà il passo all’identificazione delle cause e alla remediation automatizzata. I semplici workflow composer finiranno sullo sfondo, mentre l’osservabilità multidominio conquisterà la scena. Comprendere cosa sta succedendo e, soprattutto, cosa fare finirà di essere una dichiarazione d’intenti per diventare la caratteristica di prodotti reali. L’impatto di tecnologie da tempo annunciate come l’AI e l’automazione sarà più visibile che mai, almeno nelle grandi imprese.

Verso team più eterogenei

I team saranno più eterogenei. Uno degli effetti collaterali della pandemia è che il lavoro da remoto è diventato più che diffuso: oggi è la normalità per buona parte dei lavoratori.  Ciò naturalmente allenterà la presa sui lavori tecnologici che la Silicon Valley e altri hub come Seattle, Austen e Boston hanno esercitato per decenni, fatto che determinerà tre importanti cambiamenti. Primo, più concorrenza nella selezione di personale in aree generalmente “tiepide”. Secondo, la concorrenza porterà a un aumento dei compensi in queste aree. Terzo, a causa dell’aumento dei salari le aziende che non possono competere con i giganti della tecnologia sul fronte degli stipendi dovranno coltivare i propri talenti. Ciò si tradurrà in maggiori opportunità per i gruppi meno rappresentati e per i più giovani. Il risultato? Il lavoro remoto darà vita a un comparto più inclusivo.

Il trampolino per le operation

No alle cose da nerd. Sì ai deployment standard. Uno dei pregiudizi più comuni sul cloud è che il cloud non sia altro che “i server di qualcun altro”. Non sono i server che rendono importante il cloud: ciò che conta sono le operation. Affinché le operation “volino” davvero, gli architetti hanno capito di dover semplificare e standardizzare. Un’infrastruttura su misura non può esistere per le aziende che vogliono veramente ottimizzare gli ambienti operativi. Quando questa linea di pensiero inizia a prevalere sul lato azienda, la prima cosa che deve scomparire è tutto l’apparato da nerd che rende l’IT enterprise così complesso.

Diversificare la supply chain

La diversificazione della supply chain sarà una priorità. È difficile andare da qualche parte senza affrontare i vincoli della supply chain.  Guardando alla supply chain, Juniper si aspetta che il 2022 segni la nascita di un nuovo rinascimento architetturale, focalizzato sul modo di ridurre i rischi che derivano dall’avere un insieme ridotto di fornitori. Che sia il networking multivendor a portare alla scelta di fornitori diversi o l’introduzione di nuovi componenti a creare nuove opzioni, lo scenario del networking inizierà a evolvere. E, soprattutto, l’evoluzione inevitabilmente inizierà con le architetture che determinano le scelte di rete.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

J
Juniper Networks

Approfondimenti

C
Cloud
D
data center

Articolo 1 di 5