Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L’APPELLO

Data center Wind Tre a Ibm? I sindacati: “Urgente incontro con l’azienda”

L’operatore comunica a Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil la volontà di stringere con la multinazionale Usa l’accordo per l’esternalizzazione del servizio. I rappresentanti dei lavoratori: “Siamo contrari, serve chiarezza sul futuro”

11 Dic 2019

A. S.

“Oggi Wind Tre ha informato le Segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil, di aver scelto Ibm come eventuale azienda alla quale esternalizzare i data center. Inizierà quindi la fase della cosiddetta ‘due diligence’ che confermerà o meno l’operazione”. Ad annunciarlo in una nota sono i sindacati, che mostrano preoccupazione per la decisione appresa dall’azienda: “Nessuna altra informazione è stata invece fornita in merito alle modalità, alle tempistiche o all’impatto sui lavoratori di questa operazione – prosegue il comunicato – Non possiamo che ribadire il nostro dissenso al progetto di esternalizzare i data center”.

“Allo stesso modo – conclude la nota dei sindacati – rivendichiamo con urgenza un confronto chiaro e serio sul futuro complessivo dell’azienda. Qualora l’azienda non venisse al tavolo in tempi rapidi, saremo pronti ad indire la mobilitazione delle lavoratrici e dei lavoratori”.

Secondo le indiscrezioni che circolano sulla vicenda la trattativa tra la società guidata da Jeffrey Hedberg e Ibm dovrebbe concludersi entro marzo e coinvolgerebbe circa 130 lavoratori.

”Pensavamo di esserci lasciati alle spalle la stagione delle esternalizzazioni che tanta sofferenza ha provocato a livello occupazionale in questo settore, invece Wind Tre vuole riprendere questo infelice percorso che ci trova nettamente contrari – afferma Stefano Conti, segretario nazionale Ugl Telecomunicazioni – Ci aspettiamo a stretto giro un incontro con l’azienda, ricordando che sono state già avviate ed esperite al Ministero del Lavoro le procedure di raffreddamento per un’eventuale sciopero a livello nazionale”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

J
jeffrey hedberg
S
Stefano Conti

Aziende

I
ibm
W
wind tre

Approfondimenti

D
data center

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 2