Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Ecco Wow, il primo Wallet of Wallets d’Italia

15 Ott 2014

CheBanca! rafforza la sua presenza nel mobile payment e lancia WoW. Presentato ufficialmente al Sia Expo 2014, l’ultimo nato in casa CheBanca! è scaricabile gratuitamente sul proprio smartphone. WoW consente di creare un wallet disegnato per aggregare il conto corrente CheBanca! ma anche tutte le carte credito, debito e prepagate dei circuiti Mastercard e Visa anche di chi non è correntista CheBanca!.

“È da un anno che lavoriamo a questo progetto – commenta Roberto Ferrari Direttore Generale CheBanca! – volevamo entrare nel settore dei pagamenti mobile ma senza replicare l’offerta esistente. Studiando il mercato ci siamo resi conto che il proliferare di borsellini elettronici costringeva il cliente a gestire molteplici strumenti di pagamento. Da qui l’intuizione di creare un wallet ‘democratico’ capace di contenerne altri e aperto a tutti, anche a chi non è cliente CheBanca!. Non appena abbiamo reso disponibile il prodotto sul sito, senza nemmeno comunicarlo, abbiamo registrato oltre 7000 download dell’App in una settimana. Un risultato più che incoraggiante”.

WoW può essere utilizzato anche per le bollette, i bollettini postali premarcati e bianchi, le ricariche telefoniche e i pagamenti peer-to-peer. L’applicazione è anche abbinata a una partnership con MasterPass, che ne consente l’utilizzo per fare acquisti dai siti di e-commerce abilitati. Dal 23 ottobre sarà aperto anche a chi non è cliente CheBanca! o Paypal e dal 31 ottobre l’operatività di Wow si estenderà anche al canone Rai, al bollo Aci, alle carte di trasporto degli operatori aderenti e al send money Paypal. E le funzionalità di WoW continueranno ad arricchirsi con l’obiettivo di coprire tutto lo spettro dei pagamenti: per il futuro infatti non si esclude l’apertura ai sistemi di pagamento Nfc.

Articolo 1 di 5