Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL SERVIZIO

Emergenze, il 112 diventa (anche) una app

L’applicazione “Where Are U” invia automaticamente all’operatore i dati sulla localizzazione dell’utente. Via al sito internet dove trovare tutte le informazioni relative al servizio

11 Feb 2019

Il numero unico per le emergenze (Nue) 112 da oggi ha anche un sito internet e una app su cui trovare tutte le informazioni relative al servizio. Il debutto della versione digitale arriva nella giornata europea dedicata proprio al Nue, che in Italia è attivo ad oggi in 7 regioni e nella Sicilia orientale. Accendendo all’indirizzo https://112.gov.it i cittadini troveranno le informazioni sulla genesi e lo sviluppo del servizio, il suo funzionamento e le modalità di utilizzo.

Ci sono anche indicazioni sulla normativa di riferimento, sulle centrali uniche di risposta, uno spazio dedicato alle news. E nelle regioni dove sono attive le centrali uniche sarà possibile accedere al 112 anche attraverso la app “Where Are U”: quando si fa la chiamata d’emergenza, vengono inviati automaticamente all’operatore anche i dati sulla localizzazione del chiamante. L’app può essere utilizzata anche se non si è in condizioni di parlare: si seleziona il tipo di soccorso di cui si ha bisogno e l’operatore riceverà una chiamata muta con le indicazioni del soccorso richiesto. In caso di mancata copertura della rete dati, la localizzazione avviene tramite sms.

Ma come funziona il Numero unico d’emergenza? Alla Centrale unica di risposta vengono convogliate le chiamate per richiedere l’intervento di Polizia, Carabinieri, Vigili del Fuoco o del Soccorso sanitario e sono gli operatori a smistare le telefonate ai vari enti responsabili della gestione delle emergenze.

Il sistema ha consentito alle amministrazioni che gestiscono le centrali operative di pronto intervento di ricevere la metà delle segnalazioni che ricevevano prima dell’arrivo del Nue: il 50% delle chiamate ricevute dalle Centrali uniche di risposta in realtà non riguarda infatti una vera e propria emergenza e dunque non viene inoltrare ai vari enti. Ad oggi il 112 è attivo in Friuli Venezia Giulia, Lazio (prefisso 06), Liguria, Lombardia, Piemonte, Sicilia orientale, Valle d’Aosta e nelle Province Autonome di Trento e Bolzano. Ma l’obiettivo, dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini in un video postato sul sito, è quello di estenderlo a tutta Italia.

“Il servizio garantisce una risposta tempestiva e coordinata a tutte le situazioni di emergenza dei cittadini – sottolinea il titolare del Viminale – E’ un modello che funziona e lavoreremo insieme per estenderlo il prima possibile in tutta Italia. Da oggi il progetto è concreto, perché in manovra abbiamo finalmente messo i fondi per farlo correre. Anche in questo caso dalle parole ai fatti”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

1
112
E
emergenze
N
numero unico

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link

Articolo 1 di 2