IL PROGETTO

Ermes, il Friuli accelera sulla cessione della fibra

La Regione cede alle telco la parte di rete inutilizzata: entro il 19 settembre la presentazione delle domande di interesse. La procedura potrà partire per i primi due lotti in 17 Comuni

26 Ago 2014

A.S.

Il limite entro il quale dovranno essere inoltrate alla Regione Friuli le richieste di chiarimento sulle modalità della cessione agli operatori della rete in fibra ottica Ermes è il primo settembre, e l’amministrazione si impegna a fornire tutte le risposte entro una settimana, dandosi come limite l’8 settembre.

La pubblicazione dell’offerta “Ermes Operatori risale al 12 agosto, e oggi l’assessore regionale alle Infrastrutture della giunta guidata da Debora Serracchiani, Mariagrazia Santoro (nella foto), ha precisato che le richieste dovranno essere inviate all’ indirizzo mail protocollo@insiel.legalmail.it.

WEBINAR
Il 5G asse dei territori: così l’Italia colmerà il digital divide
Telco

Entro il 19 settembre, invece, ricordano dall’amministrazione, gli interessati potranno presentare domanda preliminare sulle tratte di interesse, secondo le modalità specificate nell’ avviso.

L’ offerta pubblicata riguarda due lotti di infrastruttura in dieci comuni delle Valli del Natisone e in sette comuni sulla tratta fra Udine e Codroipo. “Si tratta del primo step per la cessione di fibra ottica della rete regionale, eccedente il fabbisogno della pubblica amministrazione, agli operatori privati – afferma in un nota l’assessore Santoro – che in questo modo potranno fornire accesso alla banda larga a cittadini e imprese anche in zone più disagiate”. Un’offerta che, spiega l’assessore, va collocata “nel più ampio contesto del Programma regionale Ermes per lo sviluppo della banda larga che collegherà in fibra ottica, entro il 2015, tutti i comuni della Regione”.