Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA KERMESSE

Eutelsat manda l’Expo 2015 in mondovisione

L’esposizione universale di Milano avrà a disposizione da novembre un canale satellitare dedicato su Hotbird. Firmato un accordo da 6 milioni per raggiungere 200 milioni di case in tutta Europa, in Africa e in Medio Oriente. Renato Farina: “Porteremo il mondo nell’Expo e l’Expo nel mondo”

15 Gen 2014

Antonello Salerno

Expo 2015 avrà a propria disposizione, a partire da novembre, un canale interamente dedicato da Eutoelsat sul satellite Hotbird, 24 ore su 24, per raggiungere 200 milioni di case in tutta Europa, in Africa e in Medio Oriente, di cui 8 milioni in Italia. E’ il risultato di un accordo da 6 milioni di euro siglato dall’organizzazione dell’Expo con Eutelsat. Per raggiungere il resto del mondo il gestore metterà a disposizione dell’Expo anche porzioni di banda su altri satelliti. Un’intesa che sarà utile per centrare la soglia di 20 milioni di visitatori e di un miliardo di persone contattate attraverso i media che è negli obiettivi dell’organizzazione, che per questo scopo si servirà anche di un nuovo sito Web.

All’evento sono attese 500 televisioni da 141Paesi, e a loro disposizione potranno così avere servizi chiavi in mano per la copertura degli eventi e dei dibattiti, con la possibilità tra l’altro di collegare ogni padiglione con il proprio paese d’origine.

Alla Rai, come Tv di Stato del Paese organizzatore, spetterà un ruolo di primo piano, e per definire i dettagli di questa collaborazione Giuseppe Sala, commissario unico per Expo 2015, incontrerà nei prossimi giorni i vertici dell’azienda.

Poter contare sui collegamenti al satellite già da novembre renderà possibile, secondo l’organizzazione, lavorare con cura sui contenuti e valorizzare le particolarità architettoniche dell’Expo, facendo promozione verso i potenziali visitatori. L’obiettivo degli organizzatore è di riuscire ad attestarsi sui 4-5 milioni di biglietti venduti entro il giorno dell’inaugurazione, il primo maggio 2015.

“La comunicazione satellitare – afferma Renato Farina, amministratore delegato di Eutelsat Italia – servirà a portare i temi dell’Expo nel mondo e il mondo nell’Expo”.

Insieme alle società di telecomunicazione, da Telecom a Cisco, Eutelsat realizzerà una rete integrata di collegamenti rappresentativa delle “città intelligenti” del futuro.

“Sulla base dell’importante esperienza acquisita come sponsor tecnico dei Giochi Olimpici Invernali di Torino 2006, siamo lieti di annunciare questa partnership con Expo Milano 2015, che sta preparando un evento prestigioso di rilevanza mondiale – afferma Intervenendo a Milano, nell’ambito della conferenza stampa con Expo Milano 2015, Michel de Rosen, Presidente e CEO di EutelsatLa prospettiva è quella di un appuntamento globale, che veicoli temi vitali come la salute dei bambini, la sostenibilità ambientale e favorisca la cooperazione globale. Il nostro impegno è portare questi messaggi oltre Milano, in modo che i temi dell’esposizione mondiale possano arrivare a più cittadini che mai”.

“Siamo lieti di accogliere Eutelsat nella squadra dei Partners di Expo Milano 2015dice Giuseppe Sala, Commissario del Governo Italiano per Expo Milano 2015 – Grazie a un canale televisivo dedicato e alle tecnologie di alto livello che Eutelsat fornirà, l’Esposizione Universale sarà un’esperienza straordinaria sia nella sede espositiva, attraverso gli eventi e i padiglioni dei Paesi, sia al di fuori, nella città di Milano e in tutto il mondo. Nutriamo molte aspettative per questa partnership. Abbiamo la possibilità di conquistare un pubblico mondiale e raccontare il nostro impegno, come Paese ospitante, per affrontare le questioni più urgenti in materia di sicurezza alimentare e sviluppo ambientale, così come il tema ‘Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita’ chiede al mondo di affrontare”.

Articolo 1 di 3