Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Facebook sempre più social. Debutta il tool Open Graph

“Puntiamo verso un futuro dove ogni cosa può essere sociale e personalizzata”, dichiara il fondatore e Ceo Zuckerberg. Al via la rete globale dei “Mi piace”

22 Apr 2010

Facebook, il social network con oltre 400 milioni di utenti, è in
piena accelerazione e svela la sua visione di piattaforma sociale
cross-site. Alla conferenza F8 di San Francisco, il Ceo Mark
Zuckerberg ha presentato i cavalli di battaglia della nuova
strategia di espansione: Open Graph e il nuovo pulsante “I
like” (Mi piace) collocato accanto a articoli e siti trovati sul
web.
“Puntiamo verso un futuro dove ogni cosa può essere
sociale e personalizzata”, ha detto Zuckerberg.

Una volta entrati in Facebook gli utenti che visitano altri siti –
la Cnn, il Washington Post, il New York Times, la radio online
Pandora si sono già connessi con la Open Graph – possono vedere
moduli che mostrano i “Mi piace” dei loro amici e commenti sui
contenuti.
“La nuova piattaforma OpenGraph è il progetto più
innovativo che abbiamo realizzato sul web”, ha dichiarato
Zuckerberg. Sono entrati in partnership con Facebook per Open Graph
finora una trentina di siti (anche Wikipedia, Yelp e Internet Movie
Database). Open Grah diffonderà i pulsanti “I like” su tutto
il web aggregando dati sulle preferenze degli utenti fuori da
Facebook.
 Zuckerberg ha detto di aspettarsi un milione di “I
like” nelle prime 24 ore.

La novità annunciata all'F8 fa parte del progetto di Facebook
di diventare una piattaforma di distribuzione di contenuti fruibili
a sempre più persone. Zuckerberg vede una sorta di sfera online
sociale dove ognuno comunica ciò che gli piace, lo mette su
Facebook e lo rende un fatto pubblico: “Il web è stato finora
connesso con i collegamenti ipertestuali tra pagine statiche di
contenuti. Noi pensiamo che le connessioni tra le persone siano
più importanti”.