Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Fusione Wind-3, per la Ue rischio aumento dei prezzi

Preoccupazioni da parte dell’Antitrust europeo per gli effetti sul mercato italiano delle Tlc e sui consumatori. Inviato ai concorrenti un questionario sull’operazione

15 Feb 2016

La Ue mostra preoccupazione per un possibile aumento dei prezzi legato alla fusione tra Wind e 3 Italia, operazione che farebbe scendere il numero degli operatori mobili in Italia da 4 a 3 e creerebbe un player alla stregua di Telecom e Vodafone.

L’autorità per la Concorrenza ha inviato un questionario ai competitor italiani. “L’operazione potrebbe avrebbe un impatto sull’aggressività del nuovo soggetto Wind-H3G sul mercato italiano delle Tlc mobili rispetto all’impatto che attualmente hanno i due soggetti separati?”, si chiede ai competitor. La Ue ha anche chiesto se la nuova entità sarebbe un incentivo a sviluppare la nuova rete 4G/Lte, argomento citato dalle due compagnie a sostegno della fusione.

Nel questionario l’Europa ha anche chiesto se un aumento dei prezzi da parte della newco potrebbe indurre Telecom Italia e Vodafone a fare lo stesso. Hutchison prevede di concedere ai rivali frequenze e l’accesso alla rete per ottenere l’approvazione dell’Ue, in linea con quanto già proposto in Austria e Irlanda.

Argomenti trattati

Approfondimenti

3
3 italia
C
concorrenza
P
prezzi
U
ue
W
Wind

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link