Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA NOMINA

Go Internet, Marco Di Gioacchino è il nuovo ceo

L’Assemblea ha deliberato anche l’ingresso nel Consiglio anche del Chief Operating Officer Flavio Ubaldi e di Cesare Veneziani

12 Nov 2019

D. A.

Nominati tre nuovi amministratori di Go Internet. L’assemblea ordinaria della società italiana attiva nel settore dell’Internet Mobile e del Fiber To The Home ha deliberato l’ingresso nel consiglio di Marco Di Gioacchino, Flavio Ubaldi e Cesare Veneziani, che resteranno in carica fino alla scadenza degli altri amministratori attualmente in carica e, pertanto, fino alla data dell’Assemblea convocata per l’approvazione del bilancio relativo all’esercizio al 31 dicembre 2020. Marco Di Gioacchino è ora Chief Executive Officer e Flavio Ubaldi ricopre il ruolo di Chief Operating Officer.

I profili professionali dei nuovi amministratori

Marco Di Gioacchino, laureato in ingegneria, ha una solida esperienza in aziende che operano in mercati caratterizzati da alta innovazione e forte concorrenza. È stato Responsabile Pianificazione e Controllo di Irideos, componente del consiglio di amministrazione di Big Tlc e Responsabile Pianificazione, Finanza e Controllo di Mc-Link.

Flavio Ubaldi è Chief Operating Officer e responsabile commerciale di Go internet dal 2014. È inoltre uno dei fondatori di Aria, dove è stato Presidente del Consiglio di Amministrazione e responsabile dello sviluppo commerciale.

Cesare Veneziani, infine, ha 22 anni di esperienza nel settore delle telecomunicazioni. È stato per sedici anni Amministratore Delegato di Mc-Link, oltre che componente del Consiglio di Amministrazione di Clouditalia Telecomunicazioni e Noitel Italia.

Con la nomina dei nuovi amministratori il gruppo, si legge in una nota, ha voluto dare un ulteriore impulso alla crescita, soprattutto contando sull’apporto di nuove professionalità e competenze.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4