Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL CASO

Huawei a rischio anche in Norvegia: il governo valuta il “veto” 5G

L’esecutivo sta discutendo le misure per ridurre le potenziali vulnerabilità delle reti di Tlc in vista del debutto della quinta generazione mobile. Attualmente Telenor e Telia utilizzano le apparecchiature del colosso cinese

10 Gen 2019

Dopo Stati Uniti, Australia, Giappone e Regno Unito, Huawei rischia di vedersi estromessa anche dal mercato tlc delle Norvegia. Nel Paese, infatti, si è aperto un dibattito sulla possibilità di vietare all’azienda cinese la realizzazione e l’installazione di nuove infrastrutture per le reti 5G.

“Condividiamo le stesse preoccupazioni di Usa e Gran Bretagna e stiamo prendendo in considerazione le misure prese da altri paesi, vogliamo capire prima di iniziare a costruire la prossima rete di telecomunicazioni”, ha spiegato il ministro della Giustizia Tor Mikkel Wara secondo Abc-Cbn News. I

Il governo norvegese sta attualmente discutendo le misure per ridurre le potenziali vulnerabilità nel settore delle telecomunicazioni in vista dell’aggiornamento. L’operatore Telenor, controllato dallo Stato, ha 173 milioni di abbonati in 8 paesi in Europa e Asia e ha firmato il suo primo importante contratto con Huawei nel 2009, un accordo che ha contribuito a spianare la strada all’espansione globale dell’azienda cinese.

Telenor e la concorrente Telia attualmente utilizzano apparecchiature 4G Huawei in Norvegia e stanno testando quelle dell’azienda cinese nelle loro reti 5G sperimentali. “I nostri clienti in Norvegia hanno forti esigenze di sicurezza, continueremo ad essere aperti e trasparenti e offriremo test e verifiche prolungate delle nostre apparecchiature per dimostrare che siamo in grado di fornire prodotti sicuri nella rete 5G in Norvegia”, ha sottolineato Tore Orderloekken, Cyber Security Officer di Huawei Norway.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

H
huawei

Articolo 1 di 3