IL CASO

Huawei a rischio anche in Norvegia: il governo valuta il “veto” 5G

L’esecutivo sta discutendo le misure per ridurre le potenziali vulnerabilità delle reti di Tlc in vista del debutto della quinta generazione mobile. Attualmente Telenor e Telia utilizzano le apparecchiature del colosso cinese

10 Gen 2019

Dopo Stati Uniti, Australia, Giappone e Regno Unito, Huawei rischia di vedersi estromessa anche dal mercato tlc delle Norvegia. Nel Paese, infatti, si è aperto un dibattito sulla possibilità di vietare all’azienda cinese la realizzazione e l’installazione di nuove infrastrutture per le reti 5G.

“Condividiamo le stesse preoccupazioni di Usa e Gran Bretagna e stiamo prendendo in considerazione le misure prese da altri paesi, vogliamo capire prima di iniziare a costruire la prossima rete di telecomunicazioni”, ha spiegato il ministro della Giustizia Tor Mikkel Wara secondo Abc-Cbn News. I

2 LUGLIO ore 17.00
TELCO PER L'ITALIA: 5G the new normal: quali casi, quali soluzioni
Telco
Banda larga

Il governo norvegese sta attualmente discutendo le misure per ridurre le potenziali vulnerabilità nel settore delle telecomunicazioni in vista dell’aggiornamento. L’operatore Telenor, controllato dallo Stato, ha 173 milioni di abbonati in 8 paesi in Europa e Asia e ha firmato il suo primo importante contratto con Huawei nel 2009, un accordo che ha contribuito a spianare la strada all’espansione globale dell’azienda cinese.

Telenor e la concorrente Telia attualmente utilizzano apparecchiature 4G Huawei in Norvegia e stanno testando quelle dell’azienda cinese nelle loro reti 5G sperimentali. “I nostri clienti in Norvegia hanno forti esigenze di sicurezza, continueremo ad essere aperti e trasparenti e offriremo test e verifiche prolungate delle nostre apparecchiature per dimostrare che siamo in grado di fornire prodotti sicuri nella rete 5G in Norvegia”, ha sottolineato Tore Orderloekken, Cyber Security Officer di Huawei Norway.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

H
huawei