Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

PERFORMANCE MANAGEMENT

Huawei lancia uTraffic, la “sentinella” del traffico di rete

La soluzione consente di monitorare in real time il flusso dei dati che circolano sui network Tlc. L’obiettivo è prevedere ed evitare sovraccarichi e colli di bottiglia

26 Set 2012

Analizzare il flusso del traffico dei network di telecomunicazione, per ottimizzare la performance di trasmissione dati, prevedendo sovraccarichi e colli di bottiglia. Questo l’obiettivo di uTraffic, il nuovo sistema di analisi della performance lanciato da Huawei. Il sistema è destinato agli operatori alle prese con l’esplosione di dati che circolano sulle loro reti. L’obiettivo è monitorare in tempo reale la qualità delle prestazioni delle “autostrade digitali” fisse e mobili, in vista della diffusione di massa di smartphone e tablet e dell’avvento dell’Lte sul mercato di massa.

La nascita e la rapida diffusione di nuovi servizi di rete connessi all’internet mobile, i video ad alta definizione, i giochi online e le applicazioni cloud comportano un aumento esponenziale del traffico dati con la conseguente continua crescita della larghezza di banda necessaria a veicolarlo. Per molti operatori di telecomunicazioni, il fatturato non cresce con l’aumento del traffico e le reti risultano ormai sovraccariche. Per quanto riguarda la manutenzione e la gestione ottimale delle reti, la possibilità di monitorare in modo proattivo e di ottimizzare il traffico online è la priorità per gli operatori.

“La banda larga mobile si è evoluta da sistema globale per le comunicazioni mobili a Lte, mentre la banda larga fissa si è trasformata da tradizionali applicazioni voce a soluzioni internet per video ad alta definizione e applicazioni cloud – ha dietto Lu Hongju, presidente Fixed Network Oss & Service Product Line di Huawei – Nei prossimi tre anni si prevede che il traffico di rete aumenterà più di dieci volte; gli operatori di telecomunicazioni si trovano, quindi, a dover affrontare la rapida crescita e i cambiamenti dinamici del traffico oltre ad incertezze legate al flusso del traffico. Visualizzare e ottimizzare tutte le dinamiche, migliorando l’efficienza della trasmissione, la qualità del servizio e l’esperienza, rappresentano questioni fondamentali che gli operatori devono risolvere tempestivamente”.

Huawei uTraffic è in grado di visualizzare le eventuali sovrapposizioni nelle topologie fisiche, la mappatura del sistema informativo geografico (Gis – geographic information system), il traffico di rete, ma può anche individuarne i punti di congestione. Attraverso la raccolta e l’analisi dei dati, uTraffic può prevedere i tassi di utilizzo del traffico e della banda larga da uno a tre mesi, oltre a individuare i potenziali colli di bottiglia.

Argomenti trattati

Approfondimenti

H
huawei
N
network

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link