Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Il risveglio delle Telco in Borsa fa gola agli investitori

21 Set 2009

“Gli investimenti hanno lasciato il cuore oltre l’ostacolo e,
convintisi (a torto o a ragione è prematuro dirlo) che il temuto
crac del sistema finanziario non ci sarà, hanno iniziato da
qualche mese a scommettere sulla definitiva uscita dalla crisi”,
scrivono Alessandro Chini e Alessandro Magagnoli de Il Sole 24 Ore.
“Il risultato è che dei 50 titoli che compongono il paniere
Eurostoxx 50, i più rappresentativi del panorama dell’euro, solo
uno, Volkswagen, ha subito un ribasso nel semestre da inizio marzo
a inizio settembre. Tutti gli altri sono stati in grado di
archiviare risultati positivi e 23 di loro hanno messo a segno
performance migliori rispetto a quelle dell’indice”. Tredici
titoli hanno addirittura raddoppiato il valore.

I titoli cresciuti di più sono quelli del comparto bancario (+155%
circa) e assicurativo (+90% circa), ma a fare meglio dell’indice
sono stati anche i materiali di base (+74%), gli industriali (+60%)
e i tecnologici (+56%). “La fotografia mostrata dall’andamento
dei singoli settori negli ultimi sei mesi mostra una situazione
tipica di una fase di espansione dell’economia e non di una di
recessione”, secondo i due giornalisti del Sole. Il mercato
sembrerebbe credere in una “uscita dalla fase di crisi in tempi
brevi”, anche se è un orientamento che si basa “per il momento
più sull’andamento degli indici anticipatori di sentiment che su
dati macroeconomici concreti”.

L’investitore potrebbe chiedersi se continuare a puntare sui
settori che hanno trainato la crescita o se “operare una forma di
rotazione spostando l’interesse sui comparti rimasti
attardati”. Val la pena notare a questo proposito che “tra i
settori della retroguardia si sta distinguendo di recente quello
delle Telecom, che nei sei mesi da marzo ha archiviato una
performance di ‘solo’ il 16% circa, un comparto che potrebbe
quindi entrare a fare parte di un ipotetico portafoglio di
investimento a fianco di banche, assicurazioni, costruzioni e
tecnologia”.