Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STRATEGIE

Il Sinfi si “popola”. Spunta l’ipotesi interoperabilità con l’archivio delle opere pubbliche

In un mese crescono dell’11% i dati inseriti nel catasto delle reti. Intanto Mise e Mit puntano a una collaborazione tra la piattaforma delle infrastrutture e il database previsto dal decreto Genova

15 Gen 2019

Più collaborazione tra il Sinfi e l’Ainop, l’Archivio informatico nazionale delle opere pubbliche previsto dal decreto legge su Genova. Il tema è stato al centro della riunione al Mise del Comitato di coordinamento e monitoraggio del Catasto delle infrastrutture, a cui hanno preso parte anche i rappresentanti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Il Comitato ha inoltre audito i rappresentati della società Rfi per acquisire elementi utili ad accelerare il popolamento del Sinfi anche da parte dei gestori di rete infrastrutturali.

Durante la riunione sono stati presentati anche i dati relativi all’attività di acquisizione delle informazioni nel Catasto delle infrastrutture da parte degli operatori, dai quali emerge un incremento dell’11% rispetto al mese di ottobre 2018.

Il Comitato ha infine chiesto a tutti gli operatori del sottosuolo a conferire celermente nel Sinfi anche le informazioni relative alla programmazione semestrale e trimestrale dei cantieri.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

M
mise
S
Sinfi

Articolo 1 di 3