Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Il tablet cannibalizza computer e tv

Orange Exposure 2011: il 40% dei possessori di “tavolette” rinuncia al piccolo schermo e al pc per consumare video in streaming

30 Nov 2011

L’utilizzo dei tablet cannibalizza la visione della tv e l’uso
del Pc in alcuni Paesi europei, parola di Orange. L’operatore
francese ha condotto, insieme a Tns, un sondaggio in Gran Bretagna,
Francia, Polonia e Spagna: il report che ne risulta, chiamato
Orange Exposure 2011, rivela che il 35% di chi possiede un tablet
in Gran Bretagna consuma contenuti tv on demand e il 40% guarda
video streaming direttamente sul computer-lavagnetta.

Orange ha anche registrato una flessione del 15% nell’utilizzo
del Pc rispetto al sondaggio condotto l’anno scorso, a
dimostrazione, nota la telco, che i tablet stanno erodendo un altro
mercato tradizionale.

Al contrario, Orange ha scoperto che gli smartphone non riducono ma
complementano l’uso di tv e Pc, visto che il 19% del campione
residente in Francia risponde di guardare più tv e il 20% degli
intervistati in Uk dice di navigare di più dal Pc come conseguenza
del consumo di mobile media.

"E’ la prima volta che includiamo l’uso dei tablet nello
studio Orange Exposure e i risultati sono piuttosto chiari nel
descrivere come le persone usano questi device”, commenta Bruce
Hoang, group marketing director di Orange Advertising Network.
"E’ evidente che gli utenti non hanno lo stesso approccio al
consumo di contenuti digitali su tv, Pc, smartphone o tablet e ciò
ha importanti implicazioni per i produttori di contenuti e gli
inserzionisti”.

Orange ha anche scoperto che i consumatori hanno il 50% di
probabilità in più di fare shopping online da un tablet che da un
cellulare. "Oltre il 60% dei proprietari di tablet ha
effettuato almeno una transazione di m-commerce contro il 47% degli
utenti di cellulari”, rivela il sondaggio.

Il report evidenzia anche come, nonostante la forte crescita
nell’utilizzo delle applicazioni, i web browser restino lo
strumento preferito per accedere alle informazioni su Internet sia
per gli utenti di smartphone che tablet, almeno nei quattro mercati
europei studiati.

Infine, quale il luogo prescelto per l’utilizzo del tablet? Non
l’ufficio e nemmeno in mobilità, bensì la casa. Il 95%
dell’uso del tablet in Gran Bretagna si svolge tra le pareti
domestiche, in particolare in camera da letto, come già messo in
evidenza qualche settimana fa da una ricerca condotta da Ccs
Insight.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link