Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA MINIGUIDA GOOGLE

Il wi-fi che non sai. Ecco come “potenziare” la connettività ed evitare errori

Perché la connessione rallenta in alcuni orari e perché in alcune stanze il segnale non è ottimale? E come fare a risolvere i problemi più comuni? Sanjay Noronha, product manager di Google Nest, spiega tutto in un blogpost

15 Lug 2019

Enzo Lima

Il wi-fi è parte della nostra vita quotidiana. Ma come funziona davvero? Google ha deciso di dedicare una mini-guida all’uso del wifi nella sezione “Ask A Techspert” del blog. A descrivere la tecnologia e il suo funzionamento, svelando le potenzialità di Google WiFi è Sanjay Noronha, product manager presso Google Nest nonché esperto di wi-fi e router.

Che cos’è il wi-fi e come funziona

È come ascoltare la radio, ma a due vie – risponde il manager -. Invece di ricevere solo il suono come facciamo con AM o FM, il wi-fi consente anche di inviare dati. Il wi-fi invia i dati via onde radio in modo rapido e affidabile senza necessità di essere attaccato alla linea attraverso cavo ethernet. Il wi-fi funziona su frequenze radio a 2,4 GHz e 5 GHz. È il router Wi-Fi a decidere a quale stazione radio far accedere i dispositivi in ​​modo da poter guardare i video sullo smartphone o effettuare una videochiamata in movimento all’interno di un luogo. Più reti Wi-Fi possono esistere sulle stesse frequenze, motivo per cui si possono visualizzare le reti adiacenti. E secondo i risultati di un recente sondaggio effettuato proprio da Google, il 13% degli utilizzatori del wi-fi ha dichiarato di aver provato a connettersi a un’altra rete nella propria area e il 5% ha chiesto ai propri vicini di poter sfruttare la lore rete.

Perché la connessione rallenta

La stragrande maggioranza (81%) degli utenti di router del sondaggio Google ha riscontrato problemi con il wi-fi domestico. Tra le persone che hanno avuto problemi, metà ha riferito di aver avuto a che fare con una connessione lenta e il 43% ha segnalato una minore velocità in determinate ore del giorno.

È la tipica congestione del wi-fi, spiega Sanjay. Se si dispone di più reti wi-fiche operano contemporaneamente nella stessa area, tutte utilizzano le stesse gamme di frequenza. Il wi-fi è stato originariamente costruito per soli 2,4 GHz, quindi la nuova tecnologia wi-fi ha anche aggiunto i canali a 5 GHz. Ciò significa che a volte è necessario scegliere a quale rete connettersi. “Ma con Google Wifi, l’esperienza è semplificata – spiega Norohna . Gli utenti si connettono a una rete e vengono automaticamente spostati tra i canali con una tecnologia chiamata “Band steering”. Google Wifi seleziona anche le frequenze Wi-Fi che utilizza, a seconda della congestione, in modo da poter guardare senza interruzioni.

Perché in alcune stanze il wi-fi funziona meglio

Secondo Sanjay, ciò dipende dal router. Un singolo router è come una lampadina, dice, notando che una lampadina ha una gamma limitata di luce e un router ha una gamma limitata di segnali. Anche se il wi-fi esiste da molti anni, molte persone sperimentano ancora il wi-fi che si interrompe. “Google Wifi è invece una tecnologia mesh e consente di ottenere un Wi-Fi migliore inserendo router Wi-Fi aggiuntivi in tutta la casa. Avere un sistema mesh aiuta a diffondere il segnale”, evidenzia il manager

Secondo il sondaggio di Google, inoltre, gli utenti fanno di tutto per “nascondere” i loro router. Oltre due utenti su cinque utenti confessano di aver tentato di nascondere il proprio dispositivo di rete perché antiestetico. Pertanto, abbiamo progettato Google Wifi tenendo conto anche di questo elemento. Invece di cavi goffrati e antenne esterne, Google Wifi è elegante e compatto.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

W
wi-fi

Articolo 1 di 5