Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

In arrivo il Facebook Phone. Nome in codice Buffy

Dopo anni di tira e molla, il social network annuncia il debutto del suo primo smartphone prodotto da Htc. Basato sul sistema operativo Android arriverà sul mercato entro 12-18 mesi 

23 Nov 2011

Dopo anni di tira e molla, Facebook ha deciso di buttarsi nel
business degli smartphone, incaricando il produttore taiwanese Htc
di realizzare un social fonino con il suo marchio, integrando il
social network nel sistema operativo del device. Lo scrive il sito
specializzato allthingsd.com, precisando che il nome in codice del
nuovo “social fonino” è “Buffy”, ispirato all’omonima
ammazzavampiri di una fortunata serie tivù, e che il device
girerà su una piattaforma modificata di Android, che Facebook
starebbe adattando nel modo migliore per supportare servizi Html5
come piattaforma per applicazioni.

Il lancio di Buffy potrebbe avvenire nei prossimi 12-18 mesi.
Facebook soltanto recentemente ha scelto Htc come produttore
dell’hardware, che l’ha spuntata con un unico concorrente in
lizza, vale a dire la coreana Samsung.

Il progetto Buffy è guidato dal chief technology officer di
Facebook Bret Taylor. No comment di Facebook e Htc, ma fonti
interne del social netowrk non smentiscono, anzi. Più social è lo
smartphone e meglio è per Marc Zuckerberg.

Il settore mobile è critico per Facebook, che dichiara 350 milioni
di utenti wireless tramite 475 operatori. C’è da dire che oggi
Facebook è la app più popolare su quasi tutti i device mobili, ma
per ora rappresenta soltanto una funzione di supporto. In altre
parole, ad oggi Facebook è una semplice app.

Certo, il settore mobile oggi è dominato da Google e Apple, che
monopolizzano il mercato dei sistemi operativi e non faranno molto
per favorire l’ingresso di Facebook nell’arena. E soprattutto
Google, tramite il suo social network Google+, sta diventando una
crescente minaccia per Facebook.