Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Internet, Europarlamento: “Resti aperto e neutrale”

Strasburgo approva un documento in cui chiede alla Commissione di elaborare linee guida ad hoc: “Rinforzare la normativa comunitaria”

17 Nov 2011

Mantenere la Rete aperta e neutrale. Lo prevede un documento
approvato oggi dal Parlamento europeo che chiede, a questo
proposito, che regole comunitarie sulla telecomunicazione siano
adeguatamente rinforzate. Nel dettaglio il Parlamento chiede anche
alla Commissione europea di monitorare le pratiche di gestione
della rete per assicurare, ad esempio, che gli utenti non perdano
la loro connessione ogni qual volta la rete sia congestionata.

La risoluzione sottolinea la necessità di rinforzare il quadro
normativo della telecomunicazione e di monitorare attentamente le
pratiche di gestione del traffico internet, in modo da preservarne
il carattere aperto e neutrale.

Secondo il documento, sarebbe di beneficio per tutti se la
Commissione provvedesse a creare delle linee guida per la zona Ue
per fare in modo che le sue regole in materia di telecomunicazione
riguardanti la neutralità di internet siano adeguatamente
applicate e rinforzate.

Gli europarlamentari chiedono inoltre chiesto alla Commissione di
valutare, entro sei mesi dalla pubblicazione del rapporto
sull'indagine dell’Organismo dei regolatori europei delle
comunicazioni elettroniche (Berec), se siano necessarie ulteriori
regolamentazioni per assicurare libertà di espressione, di accesso
alle informazioni, di scelta per i consumatori e pluralità dei
media.

Bruxelles, al Berc e gli Stati membri sono invitati a
"monitorare con attenzione lo sviluppo delle pratiche di
gestione del traffico", per esempio per assicurare che le
connessioni dei vari utenti non siano interrotte per la congestione
della rete e che "i fornitori di servizi internet non
blocchino, discriminino o ostacolino la possibilità per ogni
persona di utilizzare o offrire ogni tipo di servizio, contenuto o
applicazione che intendano scegliere, indipendentemente dalla fonte
o dallo scopo".

"Una ragionevole gestione del traffico dati è necessaria e
molto utile per evitare la congestione della rete e il buon
funzionamento di applicazioni e servizi – spiega Herbert Reul (Ppe,
De), presidente della commissaione Industria, Ricerca ed Energia –
Tuttavia, è chiaro che le pratiche di gestione del traffico non
devono essere utilizzate a scopi anticoncorrenziali".

Il testo è stato approvato in vista della presentazione – da parte
dei ministri Ue – delle conclusioni sull'apertura di Internet e
la neutralità della rete davanti al Consiglio su Trasporti,
telecomunicazione ed energia, prevista per il 13 dicembre
prossimo.