Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

AGENDA DIGITALE

Internet veloce, la Ue avvia consultazione sulla riduzione dei costi

Bruxelles intende studiare le modalità per abbattere le spese di realizzazione degli scavi. Il commissario Kroes: “Dobbiamo sperimentare nuove pratiche di condivisione delle infrastrutture”

27 Apr 2012

F.Me.

L’internet ad alta velocità sta alla base di tutti i settori dell’economia e sarà la spina dorsale del mercato unico del digitale. Ogni 10% di aumento della penetrazione della banda larga genera una crescita economica compresa fra l’1% e l’1,5%. Per questo motivo la Commissione europea lancia una consultazione su come ridurre i costi di creazione di nuove reti per l’internet ad alta velocità nell’Ue.

In particolare, la Commissione intende esplorare le modalità per ridurre i costi legati all’ingegneria civile, quali gli scavi sulla rete stradale per la posa di cavi di fibra ottica, che possono rappresentare fino all’80% del costo totale. Bruxelles ritiene di poter ridurre il costo degli investimenti in banda larga del 25%. Si chiede un contributo a tutti i soggetti interessati pubblici e privati, fra cui ad esempio il settore delle telecomunicazioni e delle società di servizi pubblici, gli investitori, le autorità pubbliche e i consumatori.

"Dobbiamo ridurre i costi di infrastruttura connessi con lo sviluppo di reti a banda larga se vogliamo diffondere servizi di banda larga più veloce in tutta Europa – spiega il commissario per l’Agenda digitale, Neelie Kroes – Dobbiamo sperimentare idee pratiche per ridurre i costi e agevolare l’accesso, il riutilizzo e la condivisione di tali infrastrutture. Nulla è più disagevole per i cittadini che i lavori stradali e niente è più irritante per le imprese che l’esistenza di inutili oneri burocratici."

Fino all’80% del totale dei costi di investimento nella banda larga è collegato ai lavori di infrastruttura civile. Le cause di costi così elevati sono la mancanza di coordinamento fra progetti di ingegneria civile, l’insufficiente riutilizzo delle infrastrutture esistenti e la mancanza di collaborazione fra i diversi soggetti. Ad esempio, le imprese di acqua e di energia e le imprese ferroviarie spesso dispongono di infrastrutture proprie ed effettuano lavori di scavo sulla rete stradale senza coordinarsi con le società di telecomunicazioni. L’espansione è inoltre ulteriormente ostacolata da procedure laboriose, non trasparenti e onerose per l’ottenimento dei diritti di passaggio e di tutte le autorizzazioni necessarie a livello nazionale o locale.

Nel dettagio Bruxelles raccoglierà pareri sugli ostacoli agli investimenti nell’infrastruttura per la banda larga; sui modi per migliorare l’uso delle infrastrutture esistenti; sul coordinamento degli interventi di ingegneria civile, sulle misure volte a rafforzare il coordinamento tra le autorità competenti e a semplificare le procedure di autorizzazione e infine sulla "predisposizione" dei nuovi edifici alle infrastrutture per internet ad alta velocità.

La consultazione pubblica è aperta fino al 20 luglio 2012. I risultati potranno contribuire a ridurre i costi degli investimenti e, in ultima analisi, il prezzo di rivendita finale della banda larga.