Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Intesa Thales-Iridium al via. Costellazione Next in vista

Con la concessione del credito da parte Coface entra in vigore l’accordo per la costruzione del nuovo gruppo di satelliti dedicati al traffico voce e dati. Sul piatto 1,7 mld di euro

26 Ott 2010

Entra in vigore oggi contratto di Thales Alenia Space con Iridium
Communications per la realizzazione degli 81 satelliti che
compongono la costellazione satellitare a bassa orbita terrestre
Iridium Next. Con la concessione del credito da parte di Coface, il
contratto Fsd (Full Scale System Development) tra Iridium e Thales
Alenia Space va a sostituire l'Autorizzazione Preliminare a
Procedere (Atp), firmata dalle due società il primo giugno 2010. A
partire infatti dallo scorso giugno ha attivato il disegno e lo
sviluppo del sistema in base a quanto stabilito nell'Atp.

Iridium è il più grande fornitore mondiale di servizi di
comunicazione mobile satellitari per traffico voce e dati. La
costellazione Iridium Next andrà a sostituire l'attuale
costellazione ora operativa, in modo da assicurare la continuità
del servizio globale di Iridium – il solo operatore attualmente in
grado di offrire questo tipo di servizio – e al contempo
espandera' il servizio di Iridium. I primi satelliti saranno
lanciati a partire dal 2015.

Thales Alenia Space ha il ruolo di primo contraente del programma,
responsabile della parte ingegneristica, dell'integrazione del
sistema e della fornitura del segmento spaziale comprensivo di 66
satelliti operativi, 6 satelliti di riserva in orbita e 9 satelliti
di riserva a terra. Per portare a termine questo imponente
contratto, Thales Alenia Space ha dato vita ad una strategica
partnership industriale e ha pianificato il coinvolgimento come
sottocontraenti del 40% delle società Nord americane. I siti di
Thales Alenia Space Francia, Italia e Belgio saranno fortemente
coinvolti in questo progetto e le attività saranno suddivise tra
gli stabilimenti di Cannes, Tolosa, Roma e Charleroi.