LA PARTNERSHIP

Inwit-Legambiente, l’IoT al servizio di parchi nazionali e riserve naturali

Il progetto di collaborazione punta al monitoraggio dell’inquinamento atmosferico: le torri dell’operatore verranno utilizzate dall’associazione ambientalista come punti di rilevamento della qualità dell’aria e per la tutela della biodiversità

Pubblicato il 01 Mar 2023

A. S.

inwit

Monitorare l’inquinamento atmosferico grazie a una serie di sensori installati sulle torri di trasmissione di Inwit: è questo il senso del progetto di collaborazione siglato dal tower operator italiano con l’associazione ambientalista Legambiente. La collaborazione, si legge in una nota, prevede l’utilizzo delle torri di Inwit per misurare e monitorare, attraverso sensoristica IoT, alcuni parametri ambientali, relativi alla qualità dell’aria, a tutela della biodiversità, tra cui anidride carbonica, biossido di azoto e polveri sottili.

Le aree naturali oggetto del monitoraggio dell’inquinamento atmosferico saranno il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, il Parco Nazionale della Maiella, la Riserva Naturale Zompo lo Schioppo e la Riserva Naturale Monte Genzana Alto Gizio.

Le azioni a beneficio dei territori

“La partnership con Legambiente testimonia il valore aggiunto della distribuzione capillare delle nostre torri sul territorio, in questo caso per la tutela della biodiversità – spiega Michelangelo Suigo, direttore Relazioni esterne, Comunicazione e Sostenibilità di Iinwit – Le torri di Inwit sono infrastrutture digitali, condivise e sostenibili, a disposizione degli operatori di telecomunicazione mobili e in grado di ospitare tecnologia avanzata IoT per effettuare il monitoraggio della qualità dell’aria e misurare gli impatti dei cambiamenti climatici, a beneficio dei territori e delle comunità nei quali operiamo”.

WHITEPAPER
I 26 settori industriali che potranno essere trasformati grazie all’Industrial 5G: la guida 2023!
Network Security
Protocolli IoT

La tutela della biodiversità

“L’inquinamento, insieme alla crisi climatica, alla perdita di frammentazione degli habitat, al sovra sfruttamento delle risorse, all’introduzione delle specie aliene invasive – aggiunge Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente – rappresenta una delle principali minacce per la biodiversità e gli ecosistemi naturali. Per questo abbiamo deciso di affiancare Inwit in questo nuovo monitoraggio sperimentale che ci permetterà da un lato di fare il punto sulla qualità dell’aria in alcune aree protette italiane, dall’altra di capire al meglio le strategie e le misure da adottare per far fronte, in primis, al problema dell’inquinamento dell’aria, per tutelare la biodiversità e raggiungere gli obiettivi stabiliti dalla Strategia dell’UE sulla Biodiversità per il 2030”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 3