Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ipotesi B per Telecom Italia: focus solo sulle reti

Da società a vocazione mista a network company. L’alternativa alla fusione con Telefonica passa attraverso la dismissione delle attività Tv e commerciali del fisso e del mobile e la vendita delle partecipazioni estere

22 Feb 2010

Vendita delle partecipazioni estere, dismissione delle attività Tv
e di quelle commerciali del fisso e mobile. Il tutto con
l'obiettivo di una rifocalizzazione sull'infrastruttura di
rete fissa e mobile. Questa l'ipotesi di Piano B che Telecom
Italia potrebbe portare avanti in alternativa alla fusione con
Telefonica.

Dell'ipotesi si parla in un articolo a firma di Massimo
Mucchetti sul Corriere Economia. Telecom Italia – si legge –
potrebbe anche rilevare le torri di Vodafone, Wind e 3 che
insistono sulle stesse aree.

Il Piano consentirebbe a Telecom Italia di abbattere il debito e di
rivalorizzarsi: secondo molti analisti una Telecom Italia
"pura infrastruttura" avrebbe un valore maggiore rispetto
all'attuale assetto di azienda a "vocazione mista".