Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Italia e Israele insieme per la ricerca spaziale

I progetti di cooperazione delle agenzie Asi e Isa saranno realizzati a scopi pacifici

17 Giu 2009

Italia e Israele in tandem per lo spazio. É stato firmato oggi, al
Salone dell’Aeronautica e dello Spazio in corso a Le Bourget in
Francia, l’accordo bilaterale di cooperazione in campo spaziale
per scopi pacifici tra l’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e quella
israeliana (Isa). L’intesa, che ha durata quinquennale,
identifica cinque aree di collaborazione: la ricerca in campo
spaziale, con particolare attenzione allo scambio di docenti e
ricercatori; l’esplorazione dello spazio; l’osservazione della
Terra e le sue applicazioni, in particolare quelle Sar (Radar ad
Apertura Sintetica) e la sensoristica iperspettrale; le
telecomunicazioni satellitari; l’uso di impianti e infrastrutture
di Terra.
A firmare il documento sono stati il Commissario straordinario e
presidente designato dell’Asi, Enrico Saggese, e il direttore
generale dell’Isa, Zvi Kaplan.
La firma di questo accordo è il risultato dei contatti
italo-israeliani iniziati con la visita compiuta tra il 7 e il 9
gennaio scorsi in Israele da una delegazione dell’Asi, durante la
quale lo stesso Saggese aveva incontrato i vertici dell’Isa e il
Presidente israeliano Shimon Peres. La visita era stata, poi,
ricambiata il 20 marzo con l’arrivo a Roma del Chairman
dell’Isa, Isaac Ben-Israel. E proprio in quelle due occasioni
erano state individuate aree di possibile collaborazione tra i due
paesi che avrebbero perfezionato l’accordo.