Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

ULTRABROADBAND

Kroes: “Consolidamento tlc può spingere investimenti”

Il Commissario Ue all’Agenda digitale supporta l’ipotesi della creazione di un mercato forte fatto di pochi operatori in grado di mandare avanti il roll out dei network in fibra. E annuncia che nelle prossime settimane l’Europa licenzierà una proposta per aiutare gli Stati membri a favorire la realizzazione delle reti ultrabroadband

13 Giu 2012

Mila Fiordalisi

Creare un gruppo di operatori leader in grado di investire di più nelle reti a banda larga fissa e mobile con l’obiettivo di chiudere il gap con Stati Uniti e Asia: il commissario Ue all’Agenda digitale Neelie Kroes si esprime a favore del consolidamento nel settore delle Tlc in Europa e annuncia che “nelle prossime settimane sarà presentata la tanto attesa proposta che aiuterà gli Stati membri a incoraggiare gli investimenti nelle infrastrutture ultrabroadband”.

Il roll out delle reti ultrabroadband sta marciando lentamente in Europa anche a causa di una domanda finale debole. E la competizione con nuovi player, quali gli over the top ha contribuito a mettere in difficoltà le telco. “L’Europa ha bisogno di tornare alla guida della società digitale, come è accaduto un decennio fa con la terza generazione mobile”, sottolinea il Commissario. “Avere pochi operatori pan-europei forti nel mercato transfrontaliero non sarebbe necessariamente un male per la concorrenza. Può avere un senso e può essere un bene per gli investimenti e per l’innovazione”.