Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

L’automobile del futuro? La progetta Google

Via ai test della prima Google-car: il veicolo, senza conducente, è a base di videocamere, sensori radar e un laser rangefinder che monitora traffico e condizioni stradali

11 Ott 2010

Google al lavoro sull’automobile intelligente che si guida da
sola: gli ingegneri del colosso tecnologico hanno testato la
macchina, completamente automatica, sulle strade della California,
secondo quanto annunciato dalla stessa azienda di Mountain
View.

Il veicolo usa delle videocamere montate sul tetto, sensori radar e
un laser rangefinder per vedere il traffico intorno ha sè, spiega
l’ingegnere Sebastian Thrun. L’auto si guida così senza
l'intervento dell'uomo, ma c'è sempre un pilota
addestrato al suo interno, pronto a prendere i comandi se
necessario. Al suo fianco viaggia anche un esperto di software.

Quale lo scopo della intelligent car? Riduzione del traffico e
degli incidenti su strada, sostiene Google. I ricercatori
dell’azienda hanno condotto i test del loro veicolo percorrendo
un totale di 140.000 miglia, tra cui il Golden Gate di San
Francisco e il giro del Lake Tahoe. I tragitti in autostrada non
hanno causato incidenti, tranne un tamponamento: la macchina di
Google è stata colpita dal veicolo che la seguiva quando si è
fermata a un semaforo.

Nel suo messaggio sul blog ufficiale dell'azienda, Thrun –
professore di computer science and electrical engineering alla
Stanford University – ribadisce che la sicurezza è la priorità
del progetto e ricorda che, secondo l’Oms, ogni anno più di 1,2
milioni di persone muoiono sulle strade. Un’automobile
computerizzata e altamente controllata come quella di Google può
aiutare a rendere le strade meno pericolose.

“La nostra tecnologia può ridurre le morti, forse addirittura
dimezzarle”, secondo Thrun. "Il progetto è ancora alla fase
sperimentale ma può fornire un’idea di come potrebbero cambiare
i trasporti nel futuro grazie all’informatica più avanzata”.