Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

“La Ngn si fa con Telecom. Noi siamo pronti”

Il numero uno di Fastweb, Stefano Parisi, considera “impraticabile” l’ipotesi di realizzare una rete alternativa a quella dell’ex incumbent. “Ma prima serve che l’Agcom faccia le regole”

10 Dic 2009

“Costruire una rete in alternativa a Telecom non è un’ipotesi
praticabile”. Stefano Parisi, numero uno di Fastweb non concorda
sull’ipotesi, caldeggiata dagli altri operatori alternativi, di
realizzare una rete “altra” che faccia concorrenza a quella
dell’ex incumbent. In un’intervista rilasciata a barbara Corrao
del Messaggero Parisi ricorda che “in tutta Europa si investe su
una sola rete e tutti gli operatori stanno riflettendo sul da
farsi. Cosa ci differenzia dagli altri? La ridotta capacità di
investimento di Telecom Italia. E’ qui il nodo. Ma l’operazione
è finanziabile”.
Parisi si riferisce in particolare ai fondi cinesi “pronti a
investire sulla rete di nuova generazione” e sottolinea che la
Cdp “sta studiando il dossier”.

Il numero uno di Fastweb però lega la partita degli investimenti
con quella delle regole: “la nuova rete si potrà fare quando ci
saranno regole chiare sulla trasparenza e sui costi di accesso alla
rete da parte di tutti gli operatori, Telecom Italia inclusa ed è
molto importante che l’Agcom le definisca al più presto”.

Due le possibilità, secondo Parisi, che potrebbero consentire la
realizzazione della rete: “O è Telecom a realizzare la nuova
rete oppure Telecom, senza perderne il controllo, apre la rete a
capitali diversi in una società veicolo”. Società in cui gli
Olo potrebbero partecipare “a condizione che vi sia certezza
nella remunerazione dell’investimento e autonomia nel margine di
rischio che le aziende vorranno assumere”.