La prima rete 4G sulla Luna: la Nasa affida il progetto a Nokia - CorCom

SPACE ECONOMY

La prima rete 4G sulla Luna: la Nasa affida il progetto a Nokia

Pronta a fine 2022, spianerà la strada al programma Artemis dell’agenzia spaziale Usa, che punta a stabilire una presenza umana sul satellite terrestre entro il 2030

19 Ott 2020

Patrizia Licata

giornalista

Nokia porta le telecomunicazioni mobili sulla Luna come partner della Nasa per promuovere le tecnologie “Tipping Point”, ovvero al massimo livello di maturazione, per il nostro satellite. L’azienda finlandese ha svelato i dettagli dell’accordo con l’agenzia spaziale americana grazie al quale installerà il primo sistema di comunicazione Lte/4G nello spazio. Aiuterà così a spianare la strada verso una presenza umana sostenibile sulla superficie lunare, parte essenziale del programma Artemis della Nasa.

Allunaggio con Intuitive Machines, poi la rete si auto-configura

Le innovazioni pionieristiche di Nokia Bell Labs saranno utilizzate per costruire e distribuire la prima soluzione Lte end-to-end ultracompatta, a basso consumo di energia e resistente allo spazio sulla superficie lunare alla fine del 2022. Nokia sta collaborando con Intuitive Machines per questa missione che prevede l’integrazione della rete 4G spaziale di Nokia nel lander di Intuitive Machines per portarla alla superficie lunare. La rete si configurerà automaticamente al momento del dispiegamento e stabilirà il primo sistema di comunicazioni Lte sulla Luna.

La rete fornirà capacità di comunicazione cruciali per numerose applicazioni che richiedono la trasmissione dati, comprese funzioni vitali di comando e controllo, controllo remoto dei rover lunari, navigazione in tempo reale e streaming di video ad alta definizione. Queste applicazioni di comunicazione sono tutte vitali per la presenza umana a lungo termine sulla superficie lunare.

“La rete Lte di Nokia, precursore del 5G, è ideale per fornire connettività wireless per qualsiasi attività che gli astronauti devono svolgere, abilitando funzionalità di comunicazione vocale e video, telemetria e scambio di dati biometrici e impiego e controllo di robot e sensori”, si legge nella nota del vendor di Espoo.

Verso una presenza umana sostenibile sulla Luna

webinar -16 dicembre
5G e connettività a banda ultralarga: la priorità, anche dopo l'emergenza
Networking
Telco

“Facendo leva sulla nostra lunga storia di successo nelle tecnologie spaziali, dalla comunicazione satellitare all’avanguardia alla scoperta della radiazione di fondo cosmica a microonde prodotta dal Big Bang, stiamo ora costruendo la primo rete di comunicazione cellulare sulla Luna”, ha dichiarato Marcus Weldon, Chief technology officer di Nokia e Presidente di Nokia Bell Labs. “Reti di comunicazione affidabili, resilienti e ad alta capacità saranno la chiave per supportare la presenza umana sostenibile sulla superficie lunare. Costruendo la prima soluzione di rete wireless ad alte prestazioni sulla Luna, Nokia Bell Labs sta ancora una volta piantando la bandiera dell’innovazione pionieristica oltre i limiti convenzionali. ”

La rete lunare di Nokia è costituita da una stazione base Lte con funzionalità Epc (Evolved packet core) integrate, apparecchiature utente Lte, antenne Rf e software di controllo di operazioni e manutenzione (O&M) ad alta affidabilità. La soluzione è stata appositamente progettata per resistere alle dure condizioni di lancio e atterraggio lunare, e per operare in condizioni estreme di spazio. La rete cellulare completamente integrata soddisfa i vincoli di dimensioni, peso e potenza molto rigorosi dei carichi per lo spazio in una forma estremamente compatta.

La Nasa vuole collaborare con l’industria per la space economy

Attraverso la richiesta di soluzioni “Tipping Point”, la divisione Space technology mission della Nasa cerca tecnologie spaziali sviluppate dall’industria che possano favorire lo sviluppo delle potenzialità commerciali nello spazio e avvantaggiare le future missioni della Nasa. Le partnership pubblico-privato stabilite attraverso le selezioni di Tipping Point combinano le risorse della Nasa con i contributi dell’industria, guidando lo sviluppo di tecnologie spaziali critiche. La Nasa prevede di sfruttare queste innovazioni per il suo programma Artemis, che stabilirà operazioni sostenibili sulla Luna entro la fine del decennio in preparazione di una spedizione su Marte.

In qualità di leader di mercato nelle tecnologie di comunicazione end-to-end per fornitori di servizi e clienti aziendali a livello globale, Nokia sviluppa e fornisce reti mission-critical. Impiegando le sue tecnologie negli ambienti più estremi, Nokia Bell Labs validerà le prestazioni della soluzione e il livello di prontezza tecnologica, ottimizzandola ulteriormente per future applicazioni terrestri e spaziali.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

N
Nasa
N
Nokia

Approfondimenti

4
4G
L
Lte
R
reti

Articolo 1 di 4