Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'INTERVISTA

L’assist di Cdp alla fusione Tim-Open Fiber: “Importante la creazione di reti convergenti”

“Il tema delle reti di Tlc strategico per lo sviluppo del Paese”, sottolinea l’amministratore delegato Fabrizio Palermo. Tre i fronti chiave in casa Tim: rete in rame, fibra ottica e 5G. “Il valore della rete non è l’unico pezzo del puzzle”

14 Feb 2019

Mila Fiordalisi

Direttore

Il tema delle reti di Tlc è strategico per lo sviluppo del Paese. Era opportuno che i vertici di Tim e Open Fiber si aprissero al confronto”: è ben più che un assit quello di Fabrizio Palermo, Ad di Cassa Depositi e Prestiti, all’intesa fra le due aziende di cui si parla da mesi. Un assist importante considerato che la Cassa è uno degli azionisti di Tim (con poco meno del 5%) e che la società presieduta da Luigi Gubitosi è profondamente spaccata proprio sul tema dello scorporo, con Vivendi, l’azionista di maggioranza, contrario all’ipotesi di spin-off e gli americani di Elliott totalmente favorevoli. “Vediamo come evolve la situazione e aspettiamo, rispettosi dell’autonomia di entrambe le società – ha detto Palermo-. Io sono uomo di numeri e finora di numeri non si era ancora parlato. Adesso il confronto è aperto”, ha detto il manager in un’intervista al Sole 24Ore.

Positiva la reazione del mercato alle esternazioni di Palermo: il titolo Tim nella mattinata ha guadagnato lo 0,7% a 0,492 euro per azione. Palermo è entrato anche più nel dettaglio: “Di sicuro Tim rappresenta un’eccellenza. Altrettanto importante, se ci sono le condizioni, è la creazione di reti convergenti. Occorre giocare su tre fronti: la rete in rame, quella in fibra ottica e il 5G. Nel soppesare vantaggi e svantaggi va tenuto conto di vari aspetti, compresi quelli occupazionali. Anche per questo è intervenuto il legislatore decidendo forti incentivi per la rete unica di Tim”. Il valore della rete in rame di Tim secondo Palermo “non è l’unico pezzo del puzzle”. “Un film va raccontato per la storia che racconta, non per l’efficacia di singoli epidosi. Anche in questo caso i conti vanno fatti alla fine.

Relativamente all’ipotesi di una crescita della posizione azionaria in Tim, Palermo ha glissato con un “preferisco non rispondere”

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4