Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

IL REPORT

“Effetto 28 giorni” sulle bollette: prezzi di Adsl e telefono fisso a +30%

L’analisi di Sos tariffe sul mercato voce e dati dal 2015. Oggi si spende in media di più, ma aumentano i servizi. E le offerte per i primi mesi di abbonamento sono più convenienti, con i prezzi a -6,4%. Il momento migliore per sottoscrivere un contratto? E’ l’autunno

03 Ott 2017

A.S.

L’effetto della fatturazione a 28 giorni ha lasciato un’impronta chiara sull’andamento dei prezzi nei mercati della telefonia fissa e dell’Adsl, dove le tariffe sono cresciute in media, dal 2015, del 29%. Per attirare clienti, però, le compagnie mettono a punto offerte sempre più allettanti, che in canoni in promozione che nello stesso lasso di tempo sono scesi del 6,4%. A riportarlo sono i dati dell’ultima rilevazione effettuata da Sos tariffe, condotta rilevando, per tutte le mensilità da agosto 2015 a settembre 2017, il prezzo medio mensile comprensivo di tutti i costi obbligatori che gli acquirenti devono sborsare per attivare un’offerta Adsl e telefonia.

Dallo studio emerge che prezzo medio mensile è passato da 27,9 euro a 36,1 euro. Considerando però le medie delle offerte più economiche, con sconti più incisivi offerti il primo anno di attivazione, si vede nel 2015 queste costavano 26,6 euro, mentre oggi 24,9 euro: una diminuzione del 6,4%, sintomo che ad oggi esistono tariffe con promozioni in ingresso ancora più competitive.

Quanto al range medio che intercorre tra offerta più economica e offerta più costosa, ad agosto 2015, questa differenza sfiorava l’8,3% mentre oggi si può arrivare anche a una differenza del 40,9%. “Questo significa – si legge in una nota di Sos tariffe – che si possono risparmiare, mediamente, 17,3 euro se si presta attenzione alle offerte e si sottoscrive quella con il prezzo più basso, mentre due anni fa la convenienza era approssimativamente solo di 2,4 euro”.

L’aumento medio dei prezzi, oltre che alle nuove modalità di tariffazione, può essere imputato anche al diffondersi di nuove e variegate offerte collaterali comprensive di servizi aggiuntivi rispetto alla sola connessione o al solo servizio di telefonia fissa. Sono infatti aumentate le offerte che comprendono servizi di TV, telefonia mobile, internet mobile, device come modem WiFi e Smart TV, o ancora particolari “gift” da utilizzare online come abbonamenti a riviste, giochi e cloud.

Tutto questo ha inciso sicuramente sui canoni medi mensili delle offerte più care del mercato (che sono anche quelle che presentano tutti questi servizi accessori). Se nel 2015, infatti, si poteva arrivare a spendere un massimo di 29 euro per l’Adsl e la telefonia, oggi le offerte arrivano anche a 42 euro. Si tratta di un incremento del 45,4% che ha sicuramente inciso sulla media totale del mercato, causando l’aumento medio del 30% sopra descritto.

L’analisi ha infine evidenziato un dato utile per chi sia alla ricerca di un contratto di telefonia fissa o di un servizio dati Adsl: In ognuna delle annualità analizzate dalla ricerca tra agosto e settembre si registra un calo sui costi delle offerte più economiche, fatto che rende in generale l’autunno, secondo Sos Tariffe, il periodo dell’anno più conveniente per stipulare nuovi contratti.