Letta: "Il governo si farà garante della banda larga" - CorCom

AGENDA DIGITALE

Letta: “Il governo si farà garante della banda larga”

Il presidente del consiglio incontra la task force guidata da Francesco Caio: “Utilizzeremo tutti i mezzi disponibili per attuare i piani”

17 Dic 2013

F.Me.

“Il governo utilizzerà tutti i mezzi disponibili per assicurare la tempestiva attuazione dei piani di sviluppo annunciati”. Lo ha annunciato il presidente del Consiglio, Enrico Letta, incontrando il team di esperti che sta analizzando i piani di investimento nella rete in banda larga e ultra larga dei principali gestori di tlc operanti in Italia. Il team di esperti, coordinati dal commissario per l’attuazione dell’Agenda digitale, Francesco Caio, è formato da Gerard Pogorel e Scott Marcus e coadiuvato da due professionisti italiani del settore, Vittorio Trecordi e Valerio Zingarelli, membri del comitato scientifico della Fondazione Bordoni.

“Lo sviluppo di una infrastruttura di rete a banda larga ubiqua e in grado di soddisfare la crescente domanda di connettività è elemento centrale della competitività del Paese e il governo è determinato a seguirne gli sviluppi con crescente attenzione – sottolineato Letta – Dal lavoro che il team ha fatto finora emergono già le basi per una più metodica e strutturata azione di vigilanza e di stimolo che il governo potrà avviare nei prossimi mesi”. Secondo Letta “i piani passati in rassegna fanno prevedere un miglioramento della banda disponibile nelle grandi citta’, ma lasciano ancora da esplorare le tematiche legate alla evoluzione della banda ultra larga e della diffusione geografica delle reti di nuova generazione. Su questi aspetti il team lavorerà nelle prossime settimane”.

Il compito dato al team dal presidente del Consiglio, ricorda una nota è quello di valutare se e in che misura i piani dei gestori siano coerenti con gli obiettivi di copertura indicati dall’Agenda digitale dell’Unione europea per il 2020. Nel corso dell’incontro, cui ha partecipato anche il consigliere economico di Letta, Fabrizio Pagani, sono stati illustrati i principali aspetti dei piani finora analizzati e una prima sintesi del lavoro delle ultime settimane. La conclusione dei lavori è prevista per la seconda metà di gennaio.

“Per diffusione della fibra ottica c’è un tema delle infrastrutture digitale. L’Italia negli ultimi anni ha perso posizioni. Ho molto fiducia nell’agenda digitale e in Francesco Caio che è un fuoriclasse assoluto. Ottima scelta del governo”, ha detto Matteo Renzi durante la diretta su Twitter. Il neo segretario del Pd ha invece sparato ad alzo zero contro la web tax: “Chiediamo al governo Letta, al presidente del Consiglio di eliminare ogni riferimento alla web tax e porre il tema dopo una riflessione sistematica nel semestre europeo”.