L’Onu premia i “campioni” dell’Ict: Italia sul podio nelle categorie e-sciences e smart working - CorCom

WSIS PRIZES 2021

L’Onu premia i “campioni” dell’Ict: Italia sul podio nelle categorie e-sciences e smart working

3Bee e Pedius i vincitori tricolori. Per l’Europa Nokia in pole per accesso alle informazioni. Le cinesi Zte e Huawei leader rispettivamente per sicurezza e capacity building

24 Mag 2021

Mi Fio

Due società italiane fra i “campioni” dell’Ict mondiali. Si tratta di Pedius e 3Bee risultate vincitrici ai premi Wsis 2021 (World Summit on the Information Society) dell’Onu organizzati da Itu, l’Agenzia per le telecomunicazioni, Unesco, Undp e Unctad.

I Wsis Prizes mirano ad aiutare le comunità di tutto il mondo ad un uso corretto e sostenibile delle Tlc e dell’Ict. Quest’anno sono stati presentati 1.270 progetti e soltanto 72 sono stati selezionati come vincitori.

Pedius, smart working su misura di non udenti

In dettaglio Pedius si è aggiudicata una delle medaglie d’oro nella categoria E-employment. La soluzione Pedius Work Inclusion offre ai dipendenti non udenti e ipoudenti la possibilità di partecipare pienamente alle attività lavorative attivando un numero personale con chiamate in entrata e in uscita illimitate, funzionalità di teleconferenza e notifiche di chiamate in arrivo specializzate. L’azienda supporta i dipendenti di Tim e quelli di Enel. “Ora più che mai – spiega l’azienda – desideriamo supportare i dipendenti non udenti e ipoudenti in questo nuovo boom dello smart working consentendo a questi dipendenti di rimanere in contatto e di partecipare pienamente alle attività lavorative quotidiane, sia a casa che in ufficio. Non solo supportiamo l’inclusione e l’accessibilità, ma anche le prestazioni complessive delle persone e dell’azienda”.

WEBINAR
25 Ottobre 2021 - 17:00
Come diffondere la cultura del continuous feedback e integrarla nei processi lavorativi?
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

3Bee, la startup regina dell’apicoltura

In vetta alla classifica della categoria E-science la società 3Bee. 3Bee si rivolge ad apicoltori piccoli, medi e grandi. La tecnologia Hive-Tech insieme al servizio Adopt a Beehive rappresentano un modo molto funzionale per potenziare piccole realtà e per sensibilizzare le persone su di esse. Più in dettaglio, i piccoli apicoltori entrano a far parte della rete 3Bee acquistando un dispositivo Hive-Tech. Quindi, insieme ai servizi e alle funzionalità fornite dalla tecnologia, hanno la possibilità di vendere il loro miele attraverso la rete e di partecipare al progetto “Adopt a Beehive”.

Nokia campione per accesso alle informazioni e alla conoscenza

Sul fronte Tlc per l’Europa si classifica Nokia nella categoria “Access to information and knwoledge”: Nokia e Unicef hanno unito le forze per portare connettività e materiali e competenze per l’apprendimento digitale in aree del Kenya non collegate e poco servite. Il programma è particolarmente vantaggioso per ragazze, bambini disabili e insegnanti. “Con Unicef ci siamo impegnati anche con il governo keniota, gli operatori di telecomunicazioni locali, sostenendo lo sviluppo e la sperimentazione- utilizzo di materiali didattici digitali, creando soluzioni di connettività per le scuole e sostenendo la formazione di insegnanti e bambini nell’uso degli strumenti digitali e delle capacità di apprendimento digitale. Si tratta di un progetto in corso esteso nonostante l’attuale situazione pandemica”, spiega l’azienda finlandese.

Zte unica cinese sul podio della security

Per la sicurezza dell’uso dell’Ict è Zte ad aggiudicarsi il trofeo, l’unica azienda cinese nel campo della sicurezza Ict a ricevere il premio. Il sistema Ict di Zte poggia su un motore di rilevamento basato su un quadro di simulazione hardware, e propone di individuare gli exploit di vulnerabilità sconosciute attraverso l’analisi a livello di istruzioni delle eccezioni di esecuzione del software. Questo è in grado di migliorare notevolmente le capacità di rilevamento, di analisi e di gestione degli attacchi Apt, e di proteggere la sicurezza generale delle reti che vanno da quella aziendale ai centri dati internet.

Huawei leader nel capacity building con il DigiTruck in Kenya

Il premio per il capacity building va a Huawei con il progetto DigiTruck in Kenya: Huawei e la Ong belga Close the Gap hanno costruito un’aula mobile alimentata a energia solare con l’obiettivo di portare competenze digitali alle comunità sottoservite in Kenya. Dotato di 20 laptop, 20 smartphone, cuffie VR e Internet forniti tramite banda larga mobile, ogni DigiTruck funge da scuola digitale temporanea che fornisce classi e risorse gratuite per aiutare i giovani a studiare, lavorare, commerciare e fare transazioni online. Fino a dicembre 2020, più di 1.300 studenti e insegnanti in 13 villaggi hanno ricevuto oltre 22.000 ore di formazione.

.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4