Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Lte, boom 2012: abbonati a +442%

Ihs iSupply prevede una crescita a ritmi esplosivi per il nuovo standard mobile grazie al supporto universale dell’industria. A fine 2011 gli utenti saranno 11,6 milioni per arrivare a 744 milioni nel 2015

16 Nov 2011

“Crescita stratosferica” per l’Lte: così la definisce la
società di ricerche Ihs iSuppli, secondo cui lo standard wireless
di nuova generazione, grazie al sostegno quasi universale da parte
degli operatori di rete mobile, conoscerà un boom nei prossimi
anni, tanto da arrivare a rappresentare il 10% di tutti gli
abbonati mobili nel mondo nel 2015.

Gli abbonati mondiali al 4G alla fine del 2011 saranno, prevede Ihs
iSuppli, 11,6 milioni, quasi 4 volte più dei 300mila del 2010. Un
altro periodo di crescita esplosiva si prevede per il 2012, quando
gli abbonati alla nuova tecnologia mobile saliranno del 442% a 62,8
milioni.

La crescita nei tre anni successivi al 2012 rallenterà, ma
resterà comunque robusta, attestandosi al 214% nel 2013, al 105%
nel 2014 e all’84% nel 2015. E dunque per il 2015, cinque anni
dopo il lancio, l’Lte potrà contare su 744,2 milioni di utenti,
pari al 10% del totale degli abbonati mondiali ai device mobili che
per quell’anno dovrebberoe essere 7,3 miliardi circa.

Anche se l’utilizzo dell’Lte nel 2015 sarà ancora molto
limitato rispetto a tecnologie mobili più vecchie (3,8 miliardi di
utenti per il 2G e 2,8 miliardi per il 3G), è il ritmo
dell’espansione dell’Lte ad essere senza precedenti,
sottolineano i ricercatori. “Dai download di musica, al video
streaming in alta definizione passando per i giochi multiplayer, il
4G può offrire la larghezza di banda necessaria per i servizi
mobili di nuova generazione”, afferma Francis Sideco, senior
principal analyst for wireless communications di Ihs. “Grazie al
sostegno di tutta l’industria, l’Lte sta emergendo come lo
standard di riferimento per offrire questi servizi”.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link