Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Lte, Gsma: “Per il successo del 4G servono standard condivisi”

Per il direttore generale Anne Bouverot i micro-processori rappresentano la chiave della futura affermazione del 4G mobile. “No alla spaccatura tra tecnologie diverse come accaduto per il 2G e il 3G”

17 Nov 2011

Se i carrier vogliono che l’Lte si diffonda davvero capillarmente
in tutto il mondo, devono usare nei loro device dei chip che
supportano entrambe le versioni della technologia di nuova
generazione, l’Fdd e il Tdd. Lo ha dichiarato il direttore
generale della Gsma Anne Bouverot a una conferenza organizzata
dalla Global Td-Lte Initiative a Hong Kong.

La Bouverot ha detto che non è sufficiente immettere sul mercato i
nuovi device Lte, perché “da soli non creeranno la scala
sufficiente. Il requisito chiave per il successo di questa
tecnologia sono i chip dual-mode, che supportano sia l’Lte Tdd
che l’Lte Fdd”.

"Non mi stancherò di ripetere che i chip dual-mode sono
fondamentali per far decollare questa industria. Non possiamo
permettere che si crei una spaccatura tra due tecnologie come
avvenuto in passato”, ha aggiunto la Bouverot riferendosi alla
divisione tra Gsm e Cdma nell’era del 2G e tra Wcdma, Cdma2000 e
Td-Scdma per il 3G.

La novità per il 4G, ha sottolineato il direttore generale della
Gsma, è che, a differenza del Td-Scdma (la tecnologia 3G cinese
basata sul Td), lo standard Lte Tdd ha teoricamente il supporto di
tutti i produttori di chip.

Per la Bouverot i chip sono la chiave. Solo quattro vendor di chip
– per lo più startup – hanno progettato e realizzato chip per
il Td-Scdma, mentre sono circa 16 le società specializzate in
chip, tra cui Qualcomm, St-Ericsson e Sequans communications, che
stanno lavorando sull’Lte-Tdd, come sottolineato anche da Bill
Huang, general manager del Research Institute di China Mobile.

Per Huang, tuttavia, il problema non è se i due standard verranno
combinati nello stesso chipset, ma se i chip potranno supportare
tutte le bande di frequenza. “Mi chiedo: quale spettro per il Tdd
e quale spettro per l’Fdd supporterà quel chip? Al momento
abbiamo sei bande che copriranno forse l’80% del mondo e potremmo
portarle a sei con una copertura del 100%".

E ci sono altre tematiche: gli attuali device Lte Tdd sono grandi
consumatori di energia, cioè la batteria dura molto meno, perché
i terminali 4G usano il 30-40% di energia in più di un device
W-Cdma per performance simili, fa notare Huang. Anche questo
elemento andrà affrontato per garantire il successo
dell'industria.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link