Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

TV

Mediaset, formalizzata la cessione a Telefonica dell’11,1% di Premium

A rappresentare il nuovo socio nel Consiglio d’amministrazione della newco sarà Luis Velo Puig-Duran. Continua intanto la ricerca di nuovi partner internazionali

13 Gen 2015

A.S.

Da oggi Telefonica possiede ufficialmente l’11,1% delle azioni di Mediaset Premium. Con il perfezionamento del closing dell’accordo l’operatore spagnolo, tramite la controllata Telefonica de Contenidos, si assicura il pacchetto di azioni per la cifra di 100 milioni di euro. “L’investimento – si legge in una nota – riflette un equity value della nuova società di tv a pagamento italiana pari a 900 milioni di euro”.

A rappresentare Telefonica nel board della nuova pay-Tv controllata da Mediaset sarà Luis Velo Puig-Duran.

Mediaset Premium spa è ufficialmente operativa dal primo dicembre, con la sua dote di 267 tra dirigenti, impiegati, tecnici e giornalisti provenienti da Mediaset.

A guidare la nuova società, che secondo la situazione patrimoniale al 30 settembre 2014 conta in tutto su attività per oltre 2 miliardi di euro e un Ebit per l’ultimo trimestre dell’esercizio stimato in 19 milioni di euro, sono l’Ad Franco Ricci, il direttore Contenuti Yves Confalonieri, il direttore commerciale Marco Rosini, il direttore Tecnologie Eugenio Pettazzi e il direttore Sistemi informativi Domenico Alessio. A presiedere il Consiglio d’amministrazione è Marco Giordani.

L’impegno vincolante di Telefonica per rilevare l’11,1% delle attività Premium di Mediaset risale a luglio, mentre il restante 88,89% rimane a Rti.

In quell’occasione, tra l’altro, l’azienda aveva sottolineato come l’imminente ingresso del socio spagnolo nella compagine societaria di Premium non fosse che l’inizio di un processo più ampio di apertura della pay tv italiana a ulteriori partner internazionali. Una mossa di fatto indispensabile per cercare risorse fresche con cui sostenere nuovi investimenti e cercare di erodere la quota del primo player nazionale, 21st Century Fox/Sky Italia.

Articolo 1 di 3