Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Mediaset, Telefonica investe 100 mln per l’11% di Premium

Pier Silvio Berlusconi: “Sono in corso colloqui informali anche con altri potenziali alleati, come Al Jazeera e Vivendi”. La prospettiva è di far confluire le attività pay del Biscione in una nuova società

07 Lug 2014

A.S.

Un investimento da 100 milioni di euro per acquisire l’11,11% di Mediaset Premium. E’ il risultato dell’accordo tra Mediaset e Telefonica, raggiunto a margine della cessione della quota di minoranza che il Biscione deteneva in Digital+ proprio a vantaggio del gigante spagnolo, che ha così acquisito il 100% della Pay Tv iberica versando nelle casse di Mediaset Espana una cifra complessiva che potrà arrivare fino a 365 milioni.

Ad anticipare l’ingresso di Telefonica in Premium è il vicepresidente del gruppo di Cologno Monzese, Pier Silvio Berlusconi (nella foto), in un’intervista al Corriere della Sera, seguita da un comunicato Mediaset che ha confermato la notizia. “Si tratta di un primo accordo in un processo di allargamento internazionale del capitale”, con la prospettiva di far confluire le attività pay di Mediaset in una nuova società.

Con l’investimento deciso da Telefonica, tra l’altro, è ora possibile dare una valutazione di Premium che si attesta a 900 milioni, con l’accordo che “avvia il processo di apertura della pay tv italiana a ulteriori partner internazionali – precisano da Mediaset – in una logica di sviluppo delle attività di produzione e distribuzione di contenuti su tutte le piattaforme a pagamento”.
Nell’intervista Pier Silvio Berlusconi evidenzia che Telefonica non sarà un socio strategico, ma che sono in corso trattative con altri potenziali alleati, tra i quali Al Jazeera e Vivendi: “Non c’è nulla di concreto ma stiamo parlando con altri partner che ci possano permettere l’accesso al mercato in lingua inglese, primo mercato al mondo seguito appunto da quello spagnolo”, ha puntualizzato il vicepresidente di Mediaset.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 2